Opzione donna 2020

Opzione donna 2020: novità pensione anticipata

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Legge di bilancio 2020 e Opzione donna: novità e domanda pensione anticipata


Confermata anche per il 2020 l’opzione che consente alla donna di accedere alla procedura per il pensionamento anticipato. Dunque la Legge di Bilancio 2020 ha ampliato la platea, aggiornando i requisiti per presentare la domanda; inoltre l’INPS ha chiarito le modalità di presentazione della stessa.


[adrotate banner=”37″]

A prorogare la misura è l’articolo 1, comma 476, della legge 27 dicembre 2019, n.160:

“All’articolo 16 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n.26, al comma 1, le parole: « il 31 dicembre 2018 » sono sostituite dalle seguenti: « il 31 dicembre 2019 » e, al comma 3, le parole: « entro il 28 febbraio 2019 » sono sostituite dalle seguenti: « entro il 29 febbraio 2020”.

Opzione donna 2020: articolo 16 D.Lg. n.4 28/01/2019

Dunque, a seguito del Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022 il testo dell’articolo 16, comma 1, decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, risulta aggiornato:

“Il diritto al trattamento pensionistico anticipato è riconosciuto, secondo le regole di calcolo del sistema contributivo previste dal decreto legislativo 30 aprile 1997, n.180, nei confronti delle lavoratrici che entro il 31 dicembre 2019 hanno maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a trentacinque anni e un’età pari o superiore a 58 anni per le lavoratrici dipendenti e a 59 anni per le lavoratrici autonome. Il predetto requisito di età anagrafica non è adeguato agli incrementi alla speranza di vita di cui all’articolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122″.

Mentre il successivo comma 3 risulta modificato in:

“Per le finalità di cui al presente articolo, al personale del comparto scuola e AFAM si applicano le disposizioni di cui all’articolo 59, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449. In sede di prima applicazione, entro il 29 febbraio 2020, il relativo personale a tempo indeterminato può presentare domanda di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio rispettivamente dell’anno scolastico o accademico”.

Requisiti Opzione donna 2020

Quindi la possibilità di accedere alla pensione anticipata è riservata alla donna lavoratrice che al 31 dicembre 2019:

  • abbia compiuto 58 anni di età se dipendente, o 59 anni di età, se autonoma;
  • e che, inoltre, abbia maturato almeno 35 anni di contributi, a condizione che opti per la liquidazione della pensione con le regole di calcolo del sistema contributivo.

Presentazione domanda Opzione donna 2020

L’INPS, con nota esplicativa, comunica che è possibile presentare la domanda per l’Opzione donna 2020 avvalendosi delle seguenti modalità:

  • attraverso il servizio online;
  • nonché rivolgendosi al Patronato e agli intermediari dell’Istituto attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;
  • inoltre tramite il Contact center.

 

Puoi leggere anche:

Indennità antitubercolari 2020: importi da corrispondere

Domande APE sociale 2020: riapertura riconoscimento

Rivalutazione 2020 assegno sociale, ReI e soglie carta

Dsu precompilata 2020: dati e inibizione del trattamento

Piano Mediobanca 2013 2023

Cannabis coltivata in casa: Cassazione depenalizza

Canapa industriale in Europa vale 36 miliardi

Guida uso sito INPS per pensionati titolari di trattamenti

Tassi soglia 1 trimestre 2020: interessi usurari calano

Bando Isi INAIL 2019: 250.000.000€ a fondo perduto

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

DI SANTE Paolo

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".