Bonus 600 euro Domanda partite iva autonomi iscritti alle casse

Domanda bonus 600 euro partite iva autonomi iscritti alle casse

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Domanda bonus 600 euro: Catalfo estende effetto del Decreto alle partite iva – professionisti iscritti alle casse di previdenza privata

Roma, lì 30 marzo 2020 – Anche le partite iva/professionisti iscritti alle casse di previdenza private possono presentare la domanda per accedere al bonus 600 euro.


Nunzia Catalfo, ministro del lavoro e delle politiche sociali, a dato il via all’accesso al bonus 600 euro anche per le partite iva (professionisti – autonomi); dunque in questo caso a gestire la pratica non sarà l’INPS ma la cassa stessa.


[adrotate banner=”37″]

Il ministro del lavoro e delle politiche sociali, Nnzia Catalfo, in sintonia con il ministro dell’economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, ha firmato il Decreto interministeriale per l’accesso ai 600 euro anche alle partite iva.

Decreto bonus 600 euro a professionisti iscritti alle casse di previdenza privata

Per i professionisti e i lavoratori autonomi iscritti alle casse di previdenza private ci sarà un indennizzo di 600 euro per il mese di marzo; infatti il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, ha firmato il decreto interministeriale che fissa le modalità di attribuzione del Fondo per il reddito di ultima istanza per chi ha subito danni all’attività dalla diffusione del Coronavirus.

Domanda bonus 600 euro partite iva professionisti/autonomi

Il professionista deve presentare la domanda alla propria Cassa di appartenenza; ma bisogna rispettare alcuni parametri. Infatti il bonus 600 sarà erogato ai professionisti, che sulla base delle risultanze dell’anno di imposta 2018:

  • hanno realizzato redditi fino a 35.000;
  • oppure con redditi entro le soglie da 35.000 e 50.000 euro, che hanno subito cali di attività di almeno il 33% nei primi 3 mesi 2020, rispetto allo stesso periodo 2019.

L’indennità corrisposta non concorre alla formazione del reddito (DPR 22 dicembre 1986, n. 917); inoltre non è
cumulabile con i benefici di cui agli articoli 19, 20, 21, 22, 27, 28, 29, 30, 38 e 96 del decreto-legge 17 marzo 2020 n.18; nonché con il reddito di cittadinanza di cui al decreto-legge 28 gennaio 2019, n.4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26.

Nunzia Catalfo spiega:

Si tratta di un primo intervento per fronteggiare immediatamente la situazione di emergenza

che poi aggiunge:

“Siamo già al lavoro sulle nuove misure per il decreto di aprile, dove l’obiettivo è di prevedere, per queste categorie di lavoratori, un indennizzo di importo superiore”.

 

DI SANTE Paolo

Speciale Coronavirus Covid-19:

Incentivi cura Italia,su Invitalia domande fondi anti covid

Infermieri per Covid bando protezione civile 500 unità

Detrazioni fiscali 2020 sito Enea: ecobonus,bonus casa

Calo bollette luce e gas secondo trimestre 2020

Nuovo modulo autocertificazione 26 marzo 2020 pdf

Decreto legge 19 2020 Gazzetta Ufficiale misure anti covid

Domanda disoccupazione 2020 proroga per coronavirus DL18

Bonus 600 euro autonomi, cococo, stagionali nel DL 18

Discorso Conte 24 marzo 2020:multe dure a ribelli fermo

Vinitaly 2020 coronavirus: Veronafiere rinvia edizione 54

Pensioni aprile 2020 anticipate (anche maggio e giugno)

DPCM 22 marzo 2020 allegato codici ateco attività aperte

Smart working regione Lazio contributi a P.Iva e comuni

Ammortizzatori sociali e sostegno del lavoro nel DL 18 – Testo originale integrale Titolo2 DL 18 17/03/20

Aiuto soggetti impegnati nella emergenza sanitaria DL18 – Testo originale integrale Titolo1 DL 18 17/03/20

Come sospendere il mutuo prima casa dopo Covid19

Decreto 16 marzo 2020 salva economia Consiglio Ministri 37

Protocollo misure di contrasto Covid-19 ambienti lavoro

Gualtieri sospende i versamenti al 31 marzo 2020

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

Torna alla Home Page

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".