Quota 100 per gli statali

Quota 100 per gli statali dal 1 Agosto ’19: le condizioni

intopic.it feedelissimo.com  
 

Quota 100 per gli statali dal 1 Agosto 2019: le condizioni per andare in pensione

Roma, 23 Gennaio 2019 – Giulia Bongiorno commenta le condizioni stabilite in Quota 100 per gli statali.

👨‍💻💼


Giulia Bongiorno annuncia il ricambio generazionale nella Pubblica amministrazione, pur garantendo la continuità dei servizi; inoltre, sempre dalle parole del Ministro, arrivano buone notizie per la corresponsione del TFR/TFS. Le ultime notizie dopo la riunione del Consiglio dei Ministri.


Quota 100 per gli statali dal 1 Agosto 2019: le condizioni per la pensione anticipata

Dopo un percorso travagliato e caratterizzato da continui ritardi è finalmente definita la sorte di coloro che sono interessati alla pensione anticipata; quindi il Governo Conte ha definito che i dipendenti pubblici potranno usufruire di Quota 100 non da subito, ma a partire dal 1 Agosto 2019.

La riforma ha riconosciuto il diritto alla pensione anticipata, senza penalizzazioni, al raggiungimento di un’età di almeno 62 anni ed una contribuzione minima di 38 anni.

I lavoratori pubblici potranno beneficiare della finestra del 1 Agosto se hanno maturato i requisiti entro il 31/12/2018. Invece, coloro che matureranno i requisiti nel 2019 dovranno dare un preavviso di 6 mesi per poi sfruttare la prima finestra utile di Ottobre. Mentre potranno andare in pensione dal prossimo primo Settembre (inizio dell’anno scolastico) i lavoratori della scuola.

Per quanto riguarda l’erogazione del T.F.R./T.F.S.: avverrà in tempi immediati per tutti coloro che andranno in pensione a prescindere da Quota 100.

 

 

Altre notizie di economia sulla pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano disperatamente lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".