Pescara: Ora tocca ai tifosi

Condividi su:

 

Una sconfitta difficile da accettare, una brutta mazzata per le ambizioni di classifica di un Pescara dall’animo lottatore, ma troppo sfortunato e forse anche ingenuo. I ragazzi di Pillon hanno reso la vita difficile al ben più quotato Benevento. Ma una disattenzione, una sola purtroppo, è stata fatale ad una squadra che non sappiamo se andrà in Serie A, ma darà fastidio a chiunque. Un dato di fatto che però fa male è quello del pubblico. Troppo poche le presenze al Giovanni Cornacchia, un ambiente forse saturo dalle recenti delusioni, che ancora non si mette a fianco di questi ragazzi.

Eppure i numeri parlano fin troppo chiaro, questo Pescara dati alla mano è una delle squadre più forti del campionato, ma il tutto di fronte ai soliti “pochi intimi”. In molti imputano tutto questo alle polemiche con il Presidente Sebastiani, la mancanza di un progetto, le cessioni che indeboliscono la squadra e dulcis in fundo, la poca propensione ad investire per il futuro. Tanti nodi al pettine ma adesso forse è il momento di cambiare qualcosa, non è possibile che il Palermo, rimasto senza società e a serio rischio fallimento, ha ritrovato i suoi tifosi e può vantare 11000 presenze al “Barbera”.

Tifosi, Pescara cosa ha in meno di Palermo?

Gli abitanti sicuramente, ma non la passione e l’attaccamento di una città che quando vuole, non è da meno di nessun’altra. E’ il momento di tornare allo stadio, mettere una sciarpa al collo, e andare a sostenere un gruppo di ragazzi che merita sostegno e vicinanza. Stiamo entrando nella fase decisiva del campionato, e questa squadra ha assolutamente bisogno della sua gente. Il Pescara ha bisogno di  Pescara, e ora si deve andare allo stadio, per aiutare Campagnaro e soci a raggiungere quello che molti vedono come un miracolo.

Fonte Foto: fotoStadioNews.it

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24