I risultati della quinta giornata di Serie B

I risultati della quinta giornata di Serie B

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I risultati della quinta giornata di Serie B

La quinta giornata di Serie B si è aperta con l’ennesimo successo dell’Empoli che, battendo per 3-1 il Pisa, ha difeso il primo posto. Gli azzurri comandano la classifica in Serie A, anche a causa del rinvio tra Reggiana e Cittadella. Al secondo posto sale la Salernitana, che all’Arechi batte di misura l’Ascoli grazie a un gol di Anderson. In terza posizione salgono Frosinone e Chievo, grazie a due pesanti successi in trasferta. I risultati della quinta giornata di Serie B. Il Frosinone vince ancora e si dimostra al momento, la squadra più in forma del campionato. Ancora una sconfitta per il Monza, che non riesce ad ingranare la marcia giusta per la promozione in Serie A. Obiettivo che adesso inizia a farsi un po’ più lontano. A mister Brocchi serve una vera e propria svolta da parte della sua squadra. Vince invece la Spal.

Il Frosinone vince ancora

I giallazzurri passano a Pescara: 0-2 firmato da Ciano e Novakovich. Per la squadra guidata da Alessandro Nesta si tratta del secondo successo consecutivo. Il Chievo, invece, batte un Monza ancora a secco di vittorie: Boateng illude Brocchi e il suo Monza, Djordjevic firma la rimonta gialloblù nella ripresa con una doppietta che porta ai tre punti per i clivensi. Vittoria pesante anche per la Spal, che batte per 3-2 il Vicenza in casa: gli ospiti passano due volte in vantaggio prima con Dalmonte e poi con Meggiorini ma la squadra di Marino, dopo aver trovato il pareggio in entrambe le occasioni con Murgia e Valoti, trova il successo nel recupero grazie a un rigore di Castro. Pareggio per 2-2 tra Pordenone e Reggiana, rinviata anche Virtus Entella-Venezia a causa del Covid-19. Il programma si chiude con i due posticipi della domenica: Cosenza-Lecce e Cremonese-Brescia.

 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Matteo Paniccia

Avatar