risparmiare acqua

Risparmiare acqua: 10 consigli per i più piccoli

intopic.it feedelissimo.com  
 

Risparmiare acqua: 10 consigli per i più piccoli. Piccole accortezze per insegnare ai bambini come tutelare l’”oro blu”

Dal chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti a far vedere loro cartoni animati: sono diversi gli accorgimenti per risparmiare acqua sin dalla tenera età.

Dunque, far capire che l’acqua è un bene prezioso da rispettare e utilizzare con parsimonia (25%), che la si può risparmiare seguendo semplici accorgimenti (23%), ma anche quanto sia importante bere tanto (28%).

Sono queste, secondo gli esperti, alcune delle motivazioni per cui i genitori devono educare e sensibilizzare i bambini in merito alla gestione responsabile dell’acqua e ad una corretta idratazione.

E’ quanto emerge da uno studio di In a Bottle condotto su circa 50 esperti tra pedagogisti, nutrizionisti e docenti in scienze ambientali.

E quale occasione migliore se non la Giornata mondiale dell’acqua di qualche giorno fa per dare alcuni consigli ai giovanissimi?

Un esperto su 2 (51%) punta sulla “via” più semplice, ovvero quella di insegnare facendoli giocare.

Poco più di 3 su 10 (34%), invece, sostiene che l’ideale sia far vedere loro dei cartoni animati che trattino il tema.

Il 15%, infine, suggerisce di leggere (o inventarsi) una favola sull’importanza dell’acqua come risorsa per il nostro Pianeta.

Mattia Lamberti, Pedagogista, Consulente familiare e scolastico afferma a proposito:

Il principale strumento che gli adulti hanno a disposizione è dare l’esempio, facendo vedere ai bambini quanto sia importante risparmiare l’acqua.

I ‘luoghi sensibili’ rispetto allo spreco, bagno e cucina, possono essere utilizzati per appendere dei cartelli, da realizzare insieme, che ricordino alcuni semplici ma preziosi consigli.

‘Se stai insaponando le mani, chiudi il rubinetto’,

‘Non buttare l’acqua di cottura’,

‘Se spazzoli i denti, chiudi il rubinetto’,

‘Viva la doccia, abbasso il bagno’: possono essere disegnati ed appesi in casa.

Per quando riguarda la corretta idratazione, invece, possiamo assegnare ai bambini una borraccia o un bicchiere personalizzato e lasciare sempre a disposizione, a casa e nei luoghi del gioco, caraffe o bottiglie di acqua.

Premiare, simbolicamente o con dei complimenti, i piccoli quando avranno terminato il loro bicchiere, offrendo da bere anche prima che siano loro a chiederlo, ricordando di non esagerare con l’insistenza per non rischiare l’effetto opposto.

Un ottimo spunto, sotto questo punto di vista, è dato dal libro Chiudiamo il rubinetto, scritto da Jean-René Gombert ed illustrato da Joelle Dreidemy.

Facente parte della collana I piedi sulla Terra, è stato pensato per sensibilizzare i più piccoli sul tema ecologico.

Kiko l’alce è il protagonista della storia che insegna, tramite piccoli gesti quotidiani, tutti gli accorgimenti da adottare per evitare gli sprechi di acqua e di energia, proteggendo la Natura.

Ma eccoci infine ai 10 consigli utili per i più piccoli:

  1. Chiudere il rubinetto. Per spronarli, si può dir loro, per esempio, che quella che non utilizzano può essere impiegata da altri bambini;
  2. Occhio alla goccia. Coinvolgere il bambino, una volta al giorno, chiedendo di verificare che i rubinetti di casa non siano aperti o sgocciolino;
  3. La “seconda vita” dell’acqua. Insegnare a riutilizzarla per altri scopi, ad esempio quella che viene impiegata in cucina per lavare frutta e verdure può essere utilizzata nuovamente per annaffiare le piante di casa;
  4. Adotta una piantina. Prendersi cura di una delle piante di casa, dandole da bere la giusta quantità di acqua, serve per far capire ai bambini che anche i fiori hanno bisogno di essere idratati ogni giorno, così come l’essere umano;
  5. Usare la fantasia. Per incentivare a far bere il proprio bambino fare ricorso alla creatività: servire l’acqua in un bicchiere colorato;
  6. Doccia batte bagno. Far fare ai bambini sempre la doccia, tenendo presente che, in media, si utilizzano 20 litri di acqua contro i 150 del bagno. Portare con sé giochi come animaletti, macchinine e barchette con le quali inventarsi storie fantasiose da far vivere in contesti magici.
  7. Chiedere “aiuto” alla tecnologia. In un mondo dove ci sono sempre più bambini “tecnologici” è opportuno sapere che esistono delle App che dicono quando è arrivato il momento, durante la giornata, di concedersi un bicchiere di acqua;
  8. Cartoni animati come esempio. Vedere insieme ai bambini dei cartoni in cui i protagonisti abbiano a che fare con il mondo dell’acqua: in questo modo ci sono più possibilità che vengano presi a modello;
  9. La favola della buonanotte. Prima di dar loro il bacio della buonanotte leggere o inventare una storia che abbia a che fare con queste tematiche;
  10. Rispetto. Insegnare ai bambini che l’acqua è un bene prezioso, che deve essere preservato e rispettato.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.