Roma blindata per accogliere l’arrivo di Donald Trump

Donald Trump è sbarcato in una Roma blindata. Il presidente americano, in visita ufficiale e atterrato intorno alle 18.30 nella capitale e si è subito diretto a Villa Taverna, residenza dell’ambasciata americana nel quartiere Parioli.
Quaranta circa i veicoli che lo hanno scortato. Sulla macchina del Presidente c’era anche una telecamera che ha trasmesso le immagini in tempo reale al Centro per la gestione della sicurezza.

Trump in visita con la famiglia

Trump è arrivato a Roma con la moglie Ivana, la figlia Ivanka e il marito di quest’ultima, Jared Kushner. La figlia del Presidente ha postato anche un tweet con un “ciao Roma!”, prima di andare a cena con il consorte in un ristorante nel cuore di Roma, a piazza di Sant’Ignazio.
Intanto, dalle 13 di oggi, è scattata la cerniera di sorveglianza intorno all’ambasciata americana di Villa Taverna dove alloggerà il presidente.
Trump domani è atteso agli incontri in Quirinale e in Varicano. Per questo sono state previste chiusure temporanee delle strade.
Non sono previste misure aggiuntive per l’area di San Pietro, già interessata al piano di massima sicurezza per l’udienza del mercoledì.

Itinerari prestabiliti

Intorno alla visita di Trump a Roma si è stretto un vero e proprio cordone di sicurezza. Gli Itinerari saranno scelti al momento e vi saranno tre “cerchi” di sicurezza concentrici per proteggere il presidente. Inoltre, un’articolata rete di telecamere permetterà di riprendere ogni istante degli spostamenti. A garantire la sicurezza vi saranno de  tiratori scelti sui palazzi e all’aeroporto di Fiumicino.
Dopo l’attentato al concerto di Manchester, cresce la tensione in tutta Europa. L’arrivo di Trump in Italia in un momento così delicato fa temere il peggio.
Per questo si è pronti a tutto. Oltre ai Nocs e ad un nucleo scelto,  che lavora ai percorsi migliori per gli spostamenti, sono stati impiegati anche  20 nuclei di pronto intervento di polizia e carabinieri con il compito di individuare e neutralizzare eventuali minacce, anche a medio raggio, da parte di gruppi di persone.

VAI