Riaprono le concessionarie automobilistiche

Sì allo stop ai motori benzina e diesel nel 2035

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

BRUXELLES – Sì allo stop ai motori benzina e diesel nel 2035. E’ stato infatti espresso parere positivo, da parte della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo, nei confronti della proposta della Commissione Europea: 46 i voti favorevoli, con 40 contrari e 2 astenuti.

I deputati della Commissione Ambiente, nello specifico, si sono detti d’accordo nell’effettuare un “percorso verso una mobilità stradale a emissioni zero nel 2035 per le nuove autovetture e i veicoli commerciali leggeri”.

Sì allo stop ai motori benzina e diesel nel 2035

Già da qualche tempo le case automobilistiche stanno cominciando a mostrare interesse verso questa interessante forma di transizione. Volvo Cars, ad esempio, è fortemente impegnata a ridurre l’impatto ambientale sia dei suoi prodotti sia delle sue attività operative. Un impegno che nel 2019 è stato premiato al Plastics Recycling Awards Europe, dove Volvo Cars ha ricevuto un riconoscimento ufficiale per gli sforzi fatti nell’ambito della sostenibilità, aggiudicandosi un premio prestigioso per la versione speciale del suo SUV ibrido plug-in XC60 T8 Twin Engine contenente un’elevata percentuale di parti in plastica riciclata.

L’auto è stata presentata nel 2018 al fine di dimostrare la realizzabilità di due ambiziosi obiettivi di Volvo Cars relativamente all’utilizzo di plastica riciclata: utilizzare materiali riciclati per almeno il 25% delle parti in plastica di tutte le nuove Volvo a partire dal 2025 e adottare un approccio più circolare nello sviluppo delle proprie vetture. La versione demo della XC60 fa parte anche dell’iniziativa che vede Volvo Cars impegnata ad esortare i fornitori dell’industria automobilistica a lavorare in più stretta collaborazione con le Case costruttrici per sviluppare componenti di prossima generazione che siano il più possibile sostenibili.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24