Ius soli (Fonte: lastampa.it)

Sondaggi elettorali Emg: i dati a 5 mesi dalle elezioni

Ieri lunedì 21 novembre, Emg Acqua per il Tg di La7 ha pubblicato i sondaggi elettorali delle preferenze per i principali partiti politici, quando mancano solamente cinque mesi alle nuove elezioni. I dati non si scostano molto da quelli del 13 novembre, ma mostra un repentino crollo del Partito Democratico. Una certa stabilità invece per il centro destra unito e un Movimento Cinque Stelle in piena forma.

Nonostante il partito pentastellato sia primo per numero di preferenze, la coalizione di centro destra andrebbe a Palazzo Chigi. Anche se dovrebbe elemosinare qualche voto di sostegno dai partiti di centro e centro sinistra. A far avanzare Forza Italia (primo partito della coalizione) è  sicuramente Silvio Berlusconi, che sembra essere tornato in campo e che molti sperano alla guida dell’esecutivo, per la quinta volta. In realtà, proprio domani la Corte di Strasburgo deciderà se la sentenza che ha fatto decadere l’ex Cav dalla carica di senatore sarà confermata o meno. In caso positivo, Berlusconi potrà correre alla guida del partito. Altrimenti dovrà trovare un valido sostituto.

Le percentuali degli ultimi sondaggi elettorali

Il centro destra si attesta al 34,3%, prima coalizione negli attuali sondaggi. Un calo di 0,1 punti percentuali, dovuto alla perdita di 3 decimi per la Lega, ma attutiti dal +0,2% di Fi. Nessun calo invece per l’Udc che è stabile allo 0,9%. FdI intanto registra una diminuzione dello 0,2%, fermandosi al 5,2%.

Per il centro sinistra invece la situazione non è molto positiva. Un 3% lo guadagnano Campo Progressista, Svp, i Verdi, il Psi e altri partiti minori. Il Pd registra un 25,6% contro il 26 di una settimana fa e Ap si ferma all’1,8%. In totale 30,6%, lontano dal 34 del centro destra.

Il M5s non ferma la sua crescita, aggiungendo un +0,3%. Con il suo 28%, è il primo partito della classifica, ma anch’esso lontano dalla prima coalizione e senza una maggioranza per governare da solo. Luigi Di Maio, il candidato premier per i 5s, ha più volte ribadito il fatto di voler correre da solo a Palazzo Chigi. Pochi giorni ha dovuto correggere il tiro, affermando che in caso di mancata maggioranza, penseranno ad un “aiuto” votazione per votazione.

Infine, la Sinistra radicale forma una coalizione dal 6,3%. Mdp è primo con il 3,3%, Si e altri partiti sono rispettivamente al 1,9% e 1,1%.

Fonte: termometropolitico.it

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Alessandro Bovo