Approvato il premierato, il commento di Gelmini

Tampone obbligatorio per chi arriva dalla Cina: le reazioni della politica

Condividi su:

 

ROMA – “Tampone obbligatorio per chi arriva dalla Cina. Nessun allarmismo, ma il ministro Schillaci venga in Aula a riferire. L’Italia non può permettersi di vanificare quanto fatto finora e gravare di nuovo su un sistema sanitario già in affanno, a cui il governo destina solo briciole”. E’ quanto afferma l’ex ministra per gli affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, a proposito dell’obbligatorietà di fare il tampone per chi giunge in Italia dalla Cina con l’aereo.

E il ministro per le infrastrutture Matteo Salvini, vice premier, aggiunge: “L’Italia non può essere l’unico Paese a fare controlli anti Covid negli aeroporti per chi arriva dalla Cina. Sono in contatto con la Commissaria Europea ai Trasporti, Adina Vălean: ho chiesto che verifiche ed eventuali limitazioni siano applicati in tutta Europa per evitare arrivi nel nostro Paese da aeroporti stranieri, e l’ho ribadito nel Consiglio dei Ministri. Sarebbe un errore grave, già commesso da 5 Stelle e Pd”.

Tampone obbligatorio per chi arriva dalla Cina: le reazioni della politica

“Una scelta seria, rigorosa e severa, che desta allarme e preoccupazione perché ci induce a pensare che la situazione è da tenere sotto controllo”. Così Mara Carfagna, presidente di ‘Azione’ ed ex ministro del Sud, commenta con l’Adnkronos l’obbligo di tampone imposto dall’ordinanza Schillaci per chi arriva dalla Cina in Italia.

”E’ una decisione – sottolinea Carfagna – che va in assoluto contrasto con le norme che verranno approvate in queste ore qui in Aula, alla Camera, che prevedono il reintegro dei medici no vax, la sospensione delle sanzioni per chi non si è vaccinato e anche l’abolizione del green pas per l’ingresso nelle Rsa o comunque nelle strutture ospedaliere. E’ una decisione molto severa e pesante, che ci fa capire come il livello di allarme sia molto alto”.

Una “scelta” che, “come quelle adottate dal governo Draghi nel pieno della pandemia”, serve “a tutelare la salute pubblica e nello stesso tempo desta molta preoccupazione”, conclude Mara Carfagna.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24