Tesla: il suo proprietario ricava 800 dollari al mese in criptovaluta usando l'auto

Tesla: il suo proprietario ricava 800 dollari al mese in criptovaluta usando l’auto

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Siraj Raval ha provato quasi tutti i modi possibili per estrarre criptovalute dalla sua Tesla Model 3 del 2018. Ha eseguito un software di mining bitcoin gratuito sul suo Apple Mac mini M1. Poi, ha alimentato il computer collegando un inverter alla presa di corrente da 12 volt situata nella console centrale della sua auto.

Ha anche collegato unità di elaborazione grafica o GPU interconnesse al “frunk” della sua Tesla, facendo funzionare il tutto con la batteria interna dell’auto. Anche se rischia di invalidare la garanzia della sua auto, Raval dice che ne vale la pena. Da quando il prezzo della criptovaluta ha raggiunto il picco nel 2021, afferma di guadagnare fino a $ 800 al mese.

Il minatore di Bitcoin Alejandro de la Torre ha affermato che, in definitiva, il mining da una Tesla è proprio come connettersi a qualsiasi altra fonte di alimentazione. “La componente principale è il prezzo dell’elettricità. Se è più economico farlo attraverso un veicolo elettrico, allora così sia“, ha detto de la Torre.

Nel 2018, Chris Allessi, che ha detto alla CNBC di essere stato il primo rivenditore di auto elettriche del Wisconsin, ha deciso di tentare di utilizzare la sua Tesla. Questa non è una novità per Allessi. Noto anche come K-Man sul suo canale YouTube, che costruisce auto elettriche personalizzate nel tempo libero si autodefinisce un moderno Doc Brown, il personaggio del film “Ritorno al futuro” che trasforma un’auto in una macchina del tempo.

Come estrarre criptovalute con una Tesla

Mi piace l’elettricità. Mi piace fare zapping, costruire cose. Tu mi dai un motore elettrico, io ti do un prodotto finito“, ha detto. Simile a Raval, Allessi ha provato un paio di modi diversi per trasformare la sua Tesla Model S in una piattaforma di mining di criptovalute. In ambito industriale, il mining di criptovalute è il processo ad alta intensità energetica in cui le macchine di tutto il mondo contribuiscono con la loro potenza di calcolo alla rete complessiva, al fine di creare nuove monete e convalidare le transazioni dei token esistenti. Lo fanno eseguendo software specializzati che elaborano complicate equazioni matematiche. Per partecipare, essenzialmente tutto ciò che serve è un computer e l’alimentazione.

Allessi ha provato a estrarre bitcoin collegando un Bitmain Antminer S9 – un tipo di mining rig utilizzato specificamente per coniare la criptovaluta più popolare del mondo – direttamente nella batteria della sua auto, con l’aiuto di un inverter di potenza. L’inverter regola la tensione della batteria elettrica di Tesla a un livello compatibile con il suo Antminer. Allessi ha anche utilizzato con successo il firmware interno del veicolo per estrarre altcoin.

Non è stato un grosso problema“, ha detto del processo. Ha usato il computer e lo schermo integrati nell’auto per navigare su una pagina web che aveva creato appositamente per estrarre il popolare token. “Potrei eseguire il programma di mining all’interno del browser“, ha spiegato Allessi. Di tutte le tecniche che Raval ha provato, ha affermato che la più redditizia prevede un mix di hacking nel computer interno di Tesla, oltre a collegare le GPU direttamente al motore elettrico dell’auto.

L’hacker e cripto miner di Tesla Thomas Sohmers ha affermato che questo passaggio non è necessario. “L’auto è già costruita per fornire oltre 100 kilowatt e qualsiasi cosa collegata all’auto sarà una frazione di quel valore. Non c’è bisogno di fare quello che Raval dice di fare. Non ha senso tecnico“, ha detto Sohmers. Da lì, Raval collega cinque GPU alla sua batteria Tesla ed esegue un algoritmo di hashing per estrarre ethereum.

Via

Fonte immagine copertina: CNBC

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com