Toti sul Quirinale: "Le schede bianche e i nostri nomi sono un segnale di dialogo"

Toti sul Quirinale: “Le schede bianche e i nostri nomi sono un segnale di dialogo”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Toti sul Quirinale è stato molto chiaro. Le schede bianche di ieri “sono un segnale di dialogo. In tutti i modi anche una lunga marcia comincia con un passo e questo e’ un passo”, ha detto il presidente della Regione Liguria, che ha citato Mao dopo aver votato per eleggere il presidente della Repubblica. Poi Giovanni Toti ha aggiunto:

“Occorre un patto per garantire continuita’ di governo in un momento difficile come l’attuale che ci consenta di uscire dall’emergenza della pandemia, salvaguardare la sanita’, la scuola e rilanciare economia e lavoro per dimostrare che siamo un grande Paese”.

Toti sul Quirinale: “Le schede bianche e i nostri nomi sono un segnale di dialogo”

Intanto Fratelli d’Italia ha deciso di non votare scheda bianca al terzo scrutinio per l’elezione del capo dello Stato. “Non è in discussione la compattezza del centrodestra, ma dobbiamo dare un segnale. Non si può continuare a rimanere per giorni in una situazione di stallo”, dicono fonti del partito. I parlamentari di FdI non hanno dunque risposto alla prima chiama della votazione. Alla seconda hanno deciso di votare per Crosetto. Fonti della Lega commentano: “Differenza strategica, ma nessuna differenza sostanziale” con FdI.

In ultimo, segnaliamo che il questore della Camera dei Deputati, Fontana, ha respinto la richiesta, giunta da più parti, di svolgere oggi due votazioni anziché la sola terza in corso. Il calendario degli scrutini per eleggere il presidente della Repubblica mantiene la cadenza di uno scrutinio al giorno.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24