trono di spade

Trono di spade, alcune curiosità sulla serie cult fantasy più famosa

Condividi su:

 

Trono di spade è una serie fantasy cult degli anni 2010, ideata da George R.R. Martin e tratta dai suoi romanzi “A Song of Ice and Fire”.

La serie narra le vicende di sette nobili famiglie che lottano per il controllo della mitologica terra di Westeros, e vede coinvolti numerosi personaggi ricchi di sfumature psicologiche. Sul trono di spade di Westeros si contendono il potere le famiglie Targaryen, Baratheon, Lannister e Stark. I Targaryen sono gli ultimi discendenti di una dinastia che una volta dominava Westeros, ma sono stati esiliati dai Baratheon, che hanno occupato il trono. Da allora, la famiglia Targaryen ha sognato di riprendersi il potere, mentre i Baratheon hanno cercato di mantenere la loro posizione. La famiglia Lannister è la più ricca di Westeros e sostiene i Baratheon, mentre i Stark sono i signori del Nord e si trovano in conflitto con i Lannister. La serie segue le vicende di queste famiglie e del loro lottare per il trono di spade.

Il mix vincente tra intrighi politici, battaglie mozzafiato e colpi di scena ha conquistato milioni di fan in tutto il mondo, rendendo il Trono di spade una delle serie più seguite della storia.

In questo articolo verranno fornite alcune curiosità sull’universo creato da Martin.

Continuate a leggere per scoprire tutti i segreti della serie cult del Trono di spade!

Gli 11 Personaggi più strani nel Trono di Spade

La serie il Trono di Spade è ambientata in un mondo immaginario medievale e narra le vicende di diversi personaggi che lottano per il controllo del trono di Westeros. Vediamone alcuni di quelli più iconici:

  1. Joffrey Baratheon: il figlio di Cersei Lannister e del defunto re Robert Baratheon, è uno dei personaggi più detestati della serie. Egomane, sadico e violento, Joffrey è un despota che terrorizza il popolo di Westeros. Dopo la morte del padre, viene proclamato re da sua madre e da suo zio Tyrion, ma la sua vera ascendenza è messa in dubbio da molti. Viene infine assassinato nel corso del suo matrimonio con Margaery Tyrell.

  2. Tyrion Lannister: il figlio di Tywin Lannister e di Joanna Lannister, è affetto da nanismo a causa della maledizione di Valyria. Dotato di una mente brillante, Tyrion è un abile stratega e politico. Viene esiliato dalla famiglia Lannister dopo l’assassinio di Joffrey e finisce per unirsi all’esercito di Daenerys Targaryen. Ritenuto colpevole dell’assassinio di Tywin Lannister, viene condannato a morte dalla sorella Cersei, ma riesce a fuggire.

  3. Petyr Baelish: conosciuto anche come “Littlefinger” (Ditocorto), è il lord Protettore del Nido dell’Aquila e signore di Harrenhal. È un abile diplomate e politico, ma anche un truffatore e un assassino. È responsabile della morte di Jon Arryn, del re Robb Stark e del re Joffrey Baratheon. Viene infine ucciso da Lady Sansa Stark.

  4. Ramsay Bolton: il figlio bastardo del defunto lord Roose Bolton, Ramsay è un sadico signore del Nord che si diverte a torturare gli altri. Dopo aver catturato Theon Greyjoy, lo castra e lo soprannomina “Reek”. Viene sconfitto da Jon Snow nelle Battaglia delle Acque Nere, ma riesce a fuggire. Viene ucciso da Sansa Stark nel corso della Battaglia della Barriera.

  5. Sandor Clegane: conosciuto anche come “The Hound” (Il Mastino), è un guerriero al servizio della Casa Lannister. Ha un aspetto terrificante a causa delle cicatrici sul volto, che gli sono state inflitte da suo fratello maggiore Gregor in un incendio quando erano bambini.

  6. Sandor è un guerriero abile e temibile, ma anche un codardo e un bevitore. Viene ferito gravemente nel corso della battaglia contro Brienne of Tarth e abbandona il servizio della Casa Lannister. Si unisce alla Fratellanza Senza Vessilli e viene ucciso da Arya Stark nel corso della battaglia contro i Guittari Rosso.

  1. Euron Greyjoy: il fratello maggiore di Balon Greyjoy, è il lord delle isole di Pyke e Saltcliffe. È un pirata e un predone che non ha alcun rispetto per le regole o per la vita umana. Dopo aver ucciso Balon Greyjoy, viene proclamato lord delle isole di Pyke e Saltcliffe. Si allea con Cersei Lannister nella Grande Guerra dei Cinque Re e viene sconfitto da Daenerys Targaryen nella battaglia delle Acque Nere.

  2. Beric Dondarrion: un cavaliere del Sud, viene mandato da Ned Stark a catturare Sandor Clegane dopo che questi ha ucciso Mycah, il figlio del macellaio. Viene ferito gravemente in combattimento con Sandor Clegane e dato per morto. Viene resuscitato dal sacrificio di Thoros di Myr ed è da allora immortale. Beric si unisce alla Fratellanza Senza Vessilli ed è ucciso da Sandor Clegane nel corso della battaglia contro i Guittari Rosso.

  3. Melisandre: una sacerdotessa rossa del culto di R’hllor, è convinta che il Signore della Luce sia l’unico vero dio e che Jon Snow sia l’Eletto destinato a salvare il mondo dal male che sta per arrivare. Melisandre è immortale ed è in grado di resuscitare i morti. Ha un rapporto speciale con Jon Snow ed è responsabile della sua resurrezione dopo la battaglia contro i Guittari Rosso. Alla fine della serie, abbandona Jon Snow e si allontana verso le montagne del nord.

  4. Tormund Giantsbane: un gigante guerriero proveniente dalle terre selvagge oltre la Barriera. Tormund è un seguace del Dio della Guerra Wildling chiamato Mance Rayder. Dopo la morte di Mance Rayder, Tormund si allea con Jon Snow contro Ramsay Bolton nella Battaglia della Barriera. Alla fine della serie, Tormund si stabilisce nella foresta del Nord insieme agli altri bruti selvaggi sotto il comando di Jon Snow.

  1. Daenerys Targaryen: la figlia di Aerys II Targaryen, il ” Folle Re”, e di Rhaella Targaryen, è l’ultima discendente della Casa Targaryen. Nata durante una tempesta, viene considerata una reincarnazione della Dea Madre. Dopo la morte dei genitori, viene cresciuta dal fratello maggiore Viserys nella speranza che un giorno possa riprendersi il Trono di Spade. Dopo la morte di Viserys, Daenerys si unisce al khalasar di Khal Drogo e diventa la “madre dei draghi”. Dopo la morte di Khal Drogo, Daenerys conquista Meereen e diventa la “madre degli schiavi”. Alla fine della serie, è l’unica candidata legittima al Trono di Spade.

Games of Thrones, quali sono le differenze tra il libro e la serie?

I romanzi di Martin sono molto più complessi della serie televisiva e contengono molti più personaggi e intrecci. La serie si concentra principalmente su tre famiglie: i Stark, i Lannister e i Targaryen, mentre i romanzi includono molte altre famiglie importanti, come i Greyjoy, i Tyrell e i Martell.

I libri sono anche molto più crudi della serie televisiva e contengono una violenza molto più descrittiva. Inoltre, non seguono necessariamente la stessa timeline della serie televisiva, e alcuni eventi importanti nei libri hanno luogo in periodi differenti rispetto alla serie. Ad esempio, l’assedio di Grande Inverno nei libri avviene molto prima che nella serie e alcuni personaggi importanti, come Lady Stoneheart, non appaiono affatto in tv.

Alcuni elementi, quindi, sono stati tralasciati o cambiati. In questo capitolo esamineremo sette di questi temi:

  1. Il rapporto tra Aegon Targaryen e Daenerys Targaryen. Nella serie televisiva, Aegon Targaryen è un personaggio menzionato ma mai visto. Aegon è il fratello gemello di Daenerys e il figlio di Aerys II Targaryen, il “re Folle”. Aegon e Daenerys nascono durante l’assedio di Roccia del Drago da parte del Valyrian Freehold. Aegon è dato in ostaggio al Primo Cavaliere del Re, Tywin Lannister, mentre Daenerys viene mandata a nord con il suo fratello Viserys. Quando Viserys viene ucciso da Daenerys, Aegon diventa l’unico erede legittimo al Trono di Spade. Aegon e Daenerys non si incontrano mai nella serie televisiva, ma il loro rapporto è un elemento importante della storia. Nel libro, Aegon e Daenerys sono entrambi convinti che l’altro sia morto durante l’assedio di Roccia del Drago. Tuttavia, quando Aegon apprende che Daenerys è viva e sta cercando di conquistare Westeros, decide di unirsi a lei. I due sviluppano un forte legame e Aegon confessa i suoi sentimenti per Daenerys.

  2. La storia del re Robert Baratheon. Nella serie televisiva, viene accennato il fatto che il re Robert Baratheon era una brava persona prima che la sua amante, Lysa Arryn, lo facesse diventare un alcolizzato. In realtà, la storia di Robert è molto più complessa e triste. Prima di salire al trono, Robert era un cavaliere errante che lottava contro i Targaryen. Durante questa lotta, Robert incontrò Lyanna Stark, la sorella di Ned Stark. I due si innamorarono, ma quando Lyanna venne rapita da Rhaegar Targaryen, Robert iniziò a odiare i Targaryen. Dopo la Battaglia delle Acque Nere, in cui Robert uccise Rhaegar, Robert divenne re ma Lyanna morì durante il parto.

  3. L’incesto nella Famiglia Targaryen. L’incesto è un elemento importante della storia dei Targaryen. La famiglia Targaryen ha sempre praticato l’incesto per mantenere la “purezza del sangue”. Questa pratica ha avuto come conseguenza alcuni problemi di salute mentale e fisica nei membri della famiglia. Ad esempio, Aerys II Targaryen, noto come “re Folle”, era ossessionato dall’idea di fare sesso con sua figlia Daenerys. Questa ossessione lo portò alla follia e alla fine lo condusse alla morte.

  4. Il ruolo della religione nella serie. Nella serie televisiva, la religione è presente ma non è mai davvero approfondita. Tuttavia, nei libri, la religione gioca un ruolo fondamentale e i personaggi hanno opinioni molto forti sulle varie religioni presenti nel mondo. La religione più importante della serie è senza dubbio quella degli Dei della Madre. Gli Dei della Madre hanno anche un ruolo importante nella vita politica del regno, poiché determinate donne possono diventare sacerdotesse e avere quindi il potere di influenzare le decisioni politiche.

  5. La guerra civile tra Robb Stark e Joffrey Baratheon. Nella serie televisiva, la guerra civile tra Robb Stark e Joffrey Baratheon è presentata come un conflitto tra due uomini ambiziosi che vogliono conquistare il trono a tutti i costi. Tuttavia, nei libri, c’è molto di più in gioco. La guerra civile scoppia perché Joffrey Baratheon uccide brutalmente il re legittimo Robb Stark durante un summit per la pace. Tuttavia, c’è anche un altro elemento in gioco: la religione. Joffrey è infatti un devoto seguace degli Dei del Mare, che insegnano che gli uomini sono superiori alle donne e che queste devono essere sottomesse agli uomini. La religione degli Dei del Mare diventa quindi un altro motivo per cui le due fazioni si scontrano durante la guerra civile.

  6. Il matrimonio tra Sansa Stark e Tyrion Lannister. Nella serie televisiva, Sansa Stark viene costretta a sposare Tyrion Lannister perché Joffrey Baratheon vuole unirsi alla casata Stark tramite il matrimonio. Tuttavia, nei libri, il matrimonio tra Sansa e Tyrion ha un significato molto più profondo. Innanzitutto, Tyrion Lannister non è affatto contento di sposare Sansa Stark perché sa che questa unione non porterà nulla di buono per nessuno dei due. In secondo luogo, il matrimonio viene celebrato durante la guerra civile e questo significa che Tyrion diventa automaticamente il nemico di Robb Stark. In terzo luogo, dopo la morte di Joffrey Baratheon, Tyrion scopre che Sansa ha mentito sul suo conteggio degli anni e quindi non può ancora concepire un figlio. Tyrion decide quindi di annullare il matrimonio ma viene arrestato prima di poterlo fare.

  7. La battaglia finale tra Jon Snow e Ramsay Bolton. Nella serie televisiva, la battaglia finale tra Jon Snow e Ramsay Bolton, nota come la “Battaglia dei bastardi”, è presentata come un duello all’ultimo sangue in cui Jon Snow riesce a uccidere Ramsay Bolton grazie all’aiuto dell’esercito di Sansa Stark. Tuttavia, nei libri, la battaglia è molto più complessa e si svolge su diversi fronti. Innanzitutto, c’è la battaglia sul campo tra l’esercito di Jon Snow e quello di Ramsay Bolton. Questa battaglia termina in un pareggio, ma c’è anche un altro elemento in gioco: Ramsay Bolton ha preso in ostaggio Rickon Stark, il fratello più piccolo degli Stark. Ramsay minaccia quindi di uccidere Rickon se Jon Snow non si arrenderà. Jon Snow però non si arrende e riesce a uccidere Ramsay Bolton prima che questi possa far del male a Rickon Stark. La battaglia finale tra Jon Snow e Ramsay.

The House of Dragons: lo spin-off focalizzato sulla dinastia dei Targaryen

The House of Dragons è lo spin-off di Games of Thrones che si focalizza sulla dinastia dei Targaryen.

I Targaryen, gli unici ad avere dei draghi, sono una delle famiglie più importanti di Game of Thrones. La loro storia è molto interessante e ricca di colpi di scena: la famiglia è originaria della città di Valyria, una città che è stata distrutta da una catastrofe naturale. I superstiti sono fuggiti sull’isola di Dragonstone, dove sono riusciti a sopravvivere grazie ai loro draghi, animali antichi e magici che erano in grado di volare e sputare fuoco.

I Targaryen sono stati sempre molto ambiziosi: il loro obiettivo è sempre stato quello di mantenere il loro potere sul continente di Westeros. Nel corso della storia, hanno cercato in diversi modi di riconquistare Westeros, ma alla fine sono sempre stati sconfitti. La famiglia Targaryen è riuscita a consolidare il suo potere su Dragonstone e ha iniziato a preparare il terreno per un nuovo tentativo di conquista grazie all’ultima discendente della famiglia, Daenerys Targaryen, una ragazza di diciassette anni, fuggita dalla sua terra quando i suoi genitori sono stati uccisi in un colpo di Stato.

Ecco l’infografica sull’albero genealogico dei Targaryen creata da Express VPN.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.