UAE Tour

UAE Tour, Nibali: “Non esiste fair play”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Vincenzo Nibali è impegnato in questi giorni nell’UAE Tour. Si tratta del suo primo impegno stagionale ricco di appuntamenti. Ad attendere lo Squalo dello Stretto c’è infatti sia il Giro d’Italia in programma nel mese di maggio che il Tour de France in programma invece a luglio. Il corridore sta sfruttando l’UAE Tour per affinare la sua condizione fisica, ma ha riscontrato qualche problema. Nella tappa di ieri, la quarta, infatti, c’è stata una maxi caduta che ha coinvolto anche il messinese. Il corridore però, fortunatamente è riuscito a non cadere e a proseguire la sua corsa. La tappa è stata poi vinta  da Caleb Ewan.

Nibali, in un’intervista rilasciata al giornale spagnolo Marca, a proposito di incidenti, è tornato a parlare dell’episodio di cui è stato vittima al Tour de France. “Credo che potevo giocarmi tranquillamente un posto sul podio. Non posso dire se avrei vinto perché dovevo lottare contro corridori molto forti, però ero in grande forma. Quell’incidente del Tour de France dimostra che nel ciclismo non esiste il fair play”, ha dichiarato il corridore. Lo stesso ha poi ribadito: “Ci sono video che dimostrano quanto è successo. È frustrante dover tornare a casa e vedere come è stato buttato tutto il lavoro fatto. Ora voglio voltare pagina e guardare solo avanti. È qualcosa che è successo e penso non sarò l’ultimo a cui succederà”.

UAE Tour, Nibali pensa ai prossimi obiettivi

Nibali sta correndo l’UAE Tour, ma ha già parte della testa rivolta alla prossima edizione del Giro d’Italia. Per l’occasione, il corridore non ha nascosto che la corsa rosa è uno degli obiettivi tanto ambiti per questa stagione 2019. “Abbiamo lavorato molto in inverno perché era importante farlo e per questo ho iniziato più tardi rispetto al solito. Al rientro faremo altri test per capire meglio a che punto siamo. L’obiettivo principale è il Giro, al Tour penserò solo in un secondo momento. Non ho ancora visto tutte le tappe della Corsa Rosa, anche se so che l’ultima settimana sarà molto difficile. La tappa regina non la conosco ancora, ma il recente passato ci ha insegnato che ogni minimo dettaglio può fare la differenza”.

Non resta quindi che continuare a seguire il corridore per vedere quali importanti vittorie riuscirà a portare a casa.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu