Dal Giappone arriva il vaccino contro il Covid-19

Vaccino COVID-19: se non hai avuto effetti collaterali, sei protetto?

 

Ci sono attualmente 21 vaccini COVID-19 autorizzati per l’uso in tutto il mondo. In tutto il mondo, secondo i dati raccolti da Google, oltre il 13% della popolazione è stata completamente vaccinata contro il COVID-19. Il vaccino COVID-19 può aiutare anche senza effetti collaterali?

Il monitoraggio della sicurezza dei vaccini nel mondo reale continua per tutti i vaccini, come affermano i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Le autorità sanitarie di tutto il mondo continuano a incoraggiare coloro che ricevono un vaccino COVID-19 a segnalare eventuali effetti collaterali a un operatore sanitario.

Milioni di persone vaccinate hanno manifestato effetti collaterali, tra cui gonfiore, arrossamento e dolore nel sito di iniezione. Sono comunemente riportati anche febbre, mal di testa, stanchezza, dolori muscolari, brividi e nausea. Come nel caso di qualsiasi vaccino, tuttavia, non tutti reagiranno allo stesso modo. Molte persone non hanno segnalato o sperimentato effetti collaterali dopo la vaccinazione. Questo significa che non sono protetti contro SARS-CoV-2?

Gli effetti collaterali del vaccino Covid-19

In un’intervista con Medical News Today, William Schaffner, MD, professore di malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center di Nashville, TN, ha parlato della relazione tra effetti collaterali e immunità a SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19 .

Ha affermato che né la presenza né l’assenza di effetti collaterali indicano immunità. “Non esiste una correlazione diretta tra effetti collaterali e protezione“, ha affermato il prof. Schaffner. I dati degli studi sui vaccini mRNA COVID-19 a due dosi – Pfizer-BioNTech e Moderna – indicano che questi sono efficaci per oltre il 90%. Meno del 10% di quelli completamente vaccinati può avere una protezione parziale o nulla.

A causa del modo in cui funzionano i vaccini, spingendo il corpo a sviluppare l’immunità contro l’agente patogeno bersaglio, gli individui con un sistema immunitario compromesso potrebbero non essere in grado di sviluppare un’immunità completa o anche parziale alla SARS-CoV-2.

Secondo il Prof. Schaffner, alcuni farmaci, come gli immunosoppressori e alcuni farmaci utilizzati nei trattamenti contro il cancro, possono anche avere un impatto negativo sull’efficacia dei vaccini COVID-19. Alcuni scienziati hanno suggerito che i test sugli anticorpi potrebbero aiutare a valutare se un vaccino COVID-19 ha promosso l’immunità al nuovo coronavirus.

Tuttavia, la Food and Drug Administration (FDA) Trusted Source ha recentemente rilasciato una dichiarazione in cui afferma che “i test sugli anticorpi non dovrebbero essere utilizzati per valutare il livello di immunità o protezione da COVID-19 di una persona in qualsiasi momento, e specialmente dopo che la persona ha ricevuto la vaccinazione contro il Covid-19”.

La preoccupazione dell’FDA

Sebbene il test degli anticorpi possa sembrare un modo ragionevole per determinare se una persona ha sviluppato anticorpi contro SARS-CoV-2, un risultato positivo del test non indica necessariamente che una persona non svilupperà il virus. La FDA è preoccupata che i test sugli anticorpi possano portare a un atteggiamento più rilassato verso l’adozione di precauzioni contro l’infezione con il nuovo coronavirus. Ciò a sua volta potrebbe tradursi in un aumento della diffusione di SARS-CoV-2.

La dott.ssa Elitza S. Theel, direttrice del Laboratorio di sierologia delle malattie infettive presso la Mayo Clinic di Rochester, MN, ha risposto all’MNT sui test anticorpali. “Non esiste ancora una correlazione stabilita di immunità per SARS-CoV-2 come abbiamo per altre malattie prevenibili con vaccino“, ha affermato la dottoressa Theel.

La protezione, in genere, impiega 2 settimane dopo la singola dose del Johnson e Johnson, oppure 2 settimane dopo la seconda dose di Pfizer-BioNTech, per coprire il paziente dal Covid-19. “L’attuale aumento dei casi COVID-19″, ha sottolineato il dott. Theel, “si sta verificando principalmente in individui non vaccinati, il che è sia straziante che frustrante perché questi avrebbero potuto essere ampiamente prevenuti se quegli individui avessero scelto di vaccinarsi“.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com