Infezione Covid-19

COVID-19: la terza dose è la via giusta per combattere nuove varianti del virus SARS-CoV-2

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Ci sono prove crescenti che le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il COVID-19 hanno meno probabilità di essere infettate dal virus che causa questa malattia e che se lo sono, hanno meno probabilità di avere sintomi di una malattia grave. Probabilmente servirà una terza dose.

Tuttavia, stanno emergendo anche prove che i vaccini esistenti possono offrire una protezione minore contro nuove varianti di SARS-CoV-2, come la variante delta. Uno studio, ad esempio, ha mostrato che il 95% delle persone che hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino Pfizer-BioNTech o Oxford-AstraZeneca COVID-19 ha avuto una risposta immunitaria più debole alla variante delta rispetto ai ceppi precedenti.

Le persone che hanno ricevuto una sola dose di entrambi i vaccini hanno avuto una risposta immunitaria molto debole, il che suggerisce che una singola dose di uno di questi vaccini non offre una protezione adeguata. Il Ministero della Salute di Israele ha anche rilasciato una dichiarazione in cui afferma che l’efficacia del vaccino Pfizer-BioNTech nella prevenzione del COVID-19 sintomatico è scesa ad appena il 64% a 6 mesi dalla vaccinazione. Ha notato, tuttavia, che due dosi di Pfizer sono ancora in grado di prevenire malattie gravi nel 93% dei casi.

Finora, gli Stati Uniti non hanno preso alcuna decisione in merito all’approvazione o meno dell’accesso ai vaccini di richiamo. Tuttavia, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e la Food and Drug Administration (FDA) hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta che sono “pronti per dosi di richiamo se e quando la scienza dimostra che sono necessarie“.

La terza dose di vaccino come funziona?

La terza dose è una dose aggiuntiva vaccino che dovrebbe fornire una protezione aggiuntiva contro le malattie, poiché gli effetti di alcuni vaccini possono svanire nel tempo. I richiami dei vaccini sono comuni per molte infezioni virali, compresa l’influenza, che richiede un richiamo ogni anno, e il tetano, la difterite e la pertosse (DTaP), per i quali è necessario un richiamo ogni 10 anni.

Per alcuni vaccini, ricevere dosi più piccole più spesso è più efficace che ottenere una singola dose grande di vaccino. Questo approccio consente al sistema immunitario di costruire la sua risposta immunitaria in modo sostenibile. Quando il sistema immunitario ricorda determinati antigeni che lo hanno attivato in precedenza, può rispondere molto più rapidamente la prossima volta che li incontra.

Sebbene molti booster vaccinali siano identici alle dosi precedenti, alcuni vengono modificati per aumentarne l’efficacia. Il vaccino antinfluenzale, ad esempio, cambia ogni anno per rispondere in modo più efficace alle nuove mutazioni del virus influenzale.

Ci sono generalmente due ragioni per cui le persone potrebbero prendere in considerazione i richiami del vaccino. Il primo è che l’immunità diminuisce naturalmente nel tempo. Senza un’esposizione ripetuta a determinati antigeni, il sistema immunitario può diventare meno in grado di prevenire infezioni o malattie. I booster vaccinali aiutano il sistema immunitario a mantenere una risposta protettiva. Il secondo motivo per cui andrebbe fatta è che con il richiamo, opportunamente modificato, è possibile anche limitare gli effetti delle varianti.

Via

 

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com