"XXI Secolo", nella nuova puntata si parla di sanità e accesso alla cura

“XXI Secolo”, nella nuova puntata si parla di sanità e accesso alla cura

Condividi su:

 

ROMA – Lunedì 8 gennaio alle 23.28 su Rai1 torna in onda “XXI Secolo”, il programma ideato e condotto da Francesco Giorgino, che dedica la sesta puntata al tema della Sanità, della cura e al nostro Servizio Sanitario Nazionale. La salute è un diritto nel nostro Paese? Gli inviati di “XXI Secolo” hanno attraversato l’Italia per raccontare lo stato di salute delle strutture sanitarie, le storie dei medici e degli infermieri che provano a fare rete, i problemi e le eccellenze della sanità pubblica, la diagnosi e l’accesso alle cure, la sanità in convenzione e quella privata ma anche fondi integrativi e assicurazioni in forte aumento.

E ancora il Covid e l’influenza record nelle festività appena trascorse. La medicina, la ricerca scientifica, l’impegno quotidiano dei medici, degli infermieri, dei farmacisti bastano a garantire l’accesso alla cura così come sancito dalla nostra Costituzione? E il Covid come ha cambiato la sanità italiana?

“XXI Secolo”, nella nuova puntata si parla di sanità e accesso alla cura

A ‘XXI Secolo’ non si spengono i riflettori sulle guerre in corso e sul fronte più caldo in Medio Oriente con la situazione drammatica degli ospedali a Gaza.

Francesco Giorgino approfondirà i temi della puntata con gli ospiti in studio: Orazio Schillaci, ministro della Salute; Guido Rasi, consulente del ministero della Salute ed ex direttore dell’EMA, l’Agenzia europea per i medicinali; Stefania Salmaso, presidente dell’Associazione Italiana di Epidemiologia e Maurizio Molinari direttore de La Repubblica. Nell’ultima parte del programma ospite la conduttrice radiofonica e attrice Andrea Delogu.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24