24 Ore di Le Mans: vince la Toyota #8, battaglia accesa per la GTE Pro

24 Ore di Le Mans: vince la Toyota #8, battaglia accesa per la GTE Pro

 

Toyota non è mai stata seriamente minacciata dai suoi due rivali nella categoria Hypercar della 24 Ore di Le Mans, Glickenhaus e Alpine, in una gara relativamente pulita per entrambi i due equipaggi della GR010 HYBRID. L’unico grande dramma che ha colpito una delle due Toyota è arrivato appena prima delle 16 ore, quando Jose Maria Lopez si è fermato in pista con l’auto #7 e ha dovuto eseguire un intero processo di alimentazione del sistema ibrido anteriore per ripartire, perdendo un giro di distacco dalla vettura gemella.

24 Ore di Le Mans: categoria Hypercar

Nonostante la vettura condivisa da Lopez, Mike Conway e Kamui Kobayashi sia riuscita a risalire sul giro di testa, sul ritmo non c’era praticamente nulla da scegliere tra i due equipaggi Toyota, che avevano passato i primi due terzi della gara a scambiarsi il comando. L’unico inconveniente sulla strada per la vittoria per la vettura #8 è stato un cambio pilota leggermente lento da Buemi a Hartley nella penultima ora. Hartley che si è assicurato la vittoria con un margine finale di 2’01.222 su Lopez nella macchina #7.

Segna la quarta vittoria a Le Mans per il pilota svizzero Buemi, una terza per il neozelandese Hartley – che ora sono entrambi i piloti di maggior successo a La Sarthe dalle rispettive nazioni in termini di vittorie – e una prima per Hirakawa, che diventa il quinto pilota giapponese a vincere la 24 ore di Le Mans. La migliore delle altre nella divisione Hypercar la Glickenhaus 007 LMH #709 di Ryan Briscoe, Richard Westbrook e Franck Mailleux. Ha chiuso sul podio con cinque giri di distanza, godendosi una corsa in gran parte pulita salvo un ritorno anticipato al garage per sostituire un sensore.

L’auto A480 LMP1 da solista di Alpine ha avuto una gara disastrosa assediata da problemi tecnici che hanno portato l’ingresso condiviso da Nicolas Lapierre, Matthieu Vaxiviere e Andre Negrao a finire fuori dalla top 20 assoluta, a 18 giri di distanza. Due ingressi forzati ai box – prima per sostituire il gruppo frizione elettronica e poi la bobina di accensione – sono state seguite da una penalità per eccesso di velocità e poi da altri 20 minuti ai box dopo uno spegnimento per Vaxiviere alle curve Porsche nelle ore mattutine.

Categoria LMP2

Jota ha ottenuto una vittoria imponente nella classe LMP2 che sembrava essere il risultato probabile sin dalle prime fasi della gara. La #38 ORECA-Gibson 07 condivisa da Antonio Felix da Costa, Roberto Gonzalez e Will Stevens ha preso il comando dopo il primo pit stop accumulando a un certo vantaggio sugli avversari.

Un incidente per l’ingresso della #31 WRT di Robin Frijns nelle prime ore del mattino, che ha causato l’unico periodo di safety car della gara, ha costretto la #38 a perdere del tempo per il semaforo rosso in pit lane. È stato l’unico problema accorso alla squadra.

Alla fine, Stevens ha portato a casa la prima vittoria di classe di Jota dal 2017 con un margine di poco più di due minuti sulla Prema. Jota ha ottenuto due vetture sul podio. La #28 di Ed Jones, Jonathan Aberdein e Oliver Rasmussen è arrivata terza distaccata di un giro davanti alla vettura TDS Racing del sostituto dell’ultimo minuto Nyck de Vries, Mathias Beche e Tijmen van der Helm.

24 Ore di Le Mans: categorie GTE Pro/Am

La battaglia per l’ultima vittoria in assoluto della GTE Pro alla 24 Ore di Le Mans è andata alla Porsche #91 guidata da Gianmaria Bruni, Richard Lietz e Frederic Makowiecki. La Corvette Racing, favorita pre-gara, ha subito un doppio ritiro con le C8.R.

La Corvette aveva conquistato la prima fila della classe e le sue vetture sembravano essere le più veloci in termini di passo puro. Tuttavia, a circa un terzo di distanza, la Corvette ha perso un’auto dalla contesa quando la macchina #63 di Antonio Garcia, Jordan Taylor e Nicky Catsburg ha subito un drammatico guasto alla sospensione posteriore sinistra, che ha prefigurato l’eventuale ritiro dell’auto.

Ciò ha messo in fila l’equipaggio numero 92 della Porsche composto da Kevin Estre, Michael Christensen e Laurens Vanthoor per replicare la vittoria della GTE Pro 2018, fino a quando l’auto è stata colpita da una foratura all’anteriore destro nelle ore mattutine che ha distrutto l’avantreno della 911 RSR ufficiale. -19.

La Corvette ha ripreso il vantaggio a questo punto con la #64 C8.R sopravvissuta di Nick Tandy, Tommy Milner e Alexander Sims. Ma la gara è stata ribaltata ancora una volta quando Sims, che stava lottando per il comando di classe con la Ferrari 488 GTE Evo #51 di James Calado, è stato lanciato contro le barriere lungo il rettilineo di Mulsanne dalla vettura AF Corse LMP2 di Francois Perrodo con sei ore correre.

Con entrambe le Corvette fuori, la gara è diventata un duello tra la vettura #91 della Porsche e la Ferrari 488 GTE Evo di AF Corse che Calado ha condiviso con Alessandro Pier Guidi e Daniel Serra. La Ferrari era a malapena aggrappata a un leggero vantaggio quando Pier Guidi si è dovuto fermare in anticipo a causa di una foratura posteriore destra, e da lì è andato tutto liscio per l’equipaggio Porsche n. 91, che ha ottenuto la sua prima vittoria nel WEC dalla gara di Silverstone 2019 di circa 50 secondi.

L’ingresso della Ferrari #52 di Miguel Molina, Davide Rigon e Antonio Fuoco ha completato il podio al terzo posto, davanti alla Porsche #92 e alla Ferrari #74 Riley Motorsports. L’Aston Martin ha vinto gli onori nella divisione GTE Am, quando Ben Keating di TF Sport ha vendicato la sua squalifica del 2019 con la vittoria nella Vantage che condivideva con Marco Sorensen e Henrique Chaves.

Fonte immagine copertina: FIA WEC Media

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com