50 anni di Italia Germania

50 anni di Italia Germania, la partita

50 anni di Italia Germania, la partita. Era il 17 giugno 1970 e a Città del Messico gli azzurri vincono quella che sarà definita la partita del secolo

50 anni di Italia Germania 4-3, andrebbe letta tutto d’un fiato: un risultato che racconta mille emozioni di un paese, l’Italia, che attendeva l’esito della gara nemmeno fosse la finalissima.

Non era una finale infatti ma sarà ricordata come tale: in quel 4-3 c’è tutto l’orgoglio italiano, la voglia di vincere e andare oltre l’ostacolo.

Una partita in cui le squadre si sono rincorse tra vantaggi, pareggi, nuovi vantaggi fino al quarto gol azzurro di Rivera al minuto 111 che fa saltare dalle sedie e dalla panchina tutti.

Un’emozione ancora viva per chi ha vissuto quella gara; un’emozione per chi, negli anni avvenire, vedrà in bianco e nero l’impresa di quella squadra con la maglia azzurra.

Semifinale mondiale con questa formazione azzurra:

1             Enrico Albertosi

2             Tarcisio Burgnich

3             Giacinto Facchetti (c)

5             Pierluigi Cera

8             Roberto Rosato                Uscita al 91’ 91’

10           Mario Bertini

15           Sandro Mazzola                               Uscita al 46’ 46’

16           Giancarlo De Sisti

13           Angelo Domenghini

20           Roberto Boninsegna

11           Luigi Riva

Sostituzioni:

14           Gianni Rivera                     Ingresso al 46’ 46’

4             Fabrizio Poletti                 Ingresso al 91’ 91’

CT: Ferruccio Valcareggi

Una formazione in cui la faceva da padrona il dualismo Mazzola-Rivera, dualismi che si rivivranno anche negli anni successivi in azzurro: come dimenticare infatti quello tra Totti e Del Piero.

A proposito del dualismo a Città del Messico, in un’intervista sul sito Storie di calcio, Sandro Mazzola ricorda così quel giorno:

Tocca ancora a me; entro in campo convinto di giocare tutta la partita Chiudiamo il primo tempo sull’1-0, gol di Boninsegna.

Ho fatto bene, contro Beckenbauer, che mi marcava (e io marcavo lui). Nello spogliatoio, Valcareggi mi dice: al suo posto gioca Rivera.

Questa volta mi arrabbio: perché devo uscire, se stiamo vincendo? Butto via gli scarpini, sono furente, ma non posso farci niente.

Al resto della partita, dopo la doccia, partecipo da spettatore. Rivera fa gol, vinciamo 4-3.

Queste infine le parole dell’attuale presidente della Figc Gabriele Gravina:

Italia-Germania  è entrata di diritto nell’epica del calcio mondiale ed è parte integrante della cultura del nostro paese.

Al di là delle emozioni legate al risultato del campo, “La Partita del Secolo” rappresenta la metafora sportiva dell’imprevedibilità, della tenacia e del talento di cui sono capaci gli italiani.

Ricordare quella gara, rendendo onore a quegli eroi, è un omaggio all’Italia intera.

Articoli simili: Uno storico Europeo

Foto: Pagina Facebook ufficiale Figc

 

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.