Aukey EP-C3: recensione auricolari con cavo

Oggi parliamo di auricolari con cavo da utilizzare su telefoni, lettori di musica, computer ecc. Nello specifico parliamo di Aukey EP-C3. Si tratta di cuffie di fascia media che sono il giusto compromesso tra qualità e prezzo. Andiamo intanto ad analizzare il contenuto della confezione di acquisto: al suo interno troviamo le cuffie, dei tappi in gomma di ricambio di diverse dimensioni e un fodero rigido, oltre ovviamente al manuale di istruzioni e alla classica carta di garanzia da 2 anni.

Recensione Aukey EP-C3

Iniziamo dall’estetica. Il cavo è in nylon, ciò consente quindi di non avere problemi di intrecciamento in tasca o che si possa rompere improvvisamente. Il design estetico delle cuffie all’apparenza sembra un po’ ingombrante ma sono utilizzabili anche per fare sport, quindi sono abbastanza leggere e pratiche.

Il pezzo che sembra ingombrante, in realtà è sagomato per andare proprio all’interno dell’orecchio, per garantire una buona aderenza e un difficile sfilamento in caso di movimenti.

La qualità audio non è delle migliori, ma nemmeno delle peggiori. Parliamo di un prodotto di media fascia, che fa il suo dovere con alti e bassi più che sufficienti.  Tuttavia, l’equilibrio tra le frequenze è buono.

Per chi non è pratico di fili, può trovare qualche difficoltà nel ripiegare le cuffie all’interno della custodia inclusa nella confezione, in quanto il cavo in nylon è leggermente più rigido e spesso del classico cavo in gomma. Per il resto non ci sono particolari difetti da segnalare.

Aukey EP-C3 sono acquistabili su Amazon.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.