Aukey HD-T5: recensione supporto tablet e smartphone

Ormai guardare film o video da dispositivi smart è all’ordine del giorno, meglio farlo comodamente con l’utilizzo di un supporto apposito, chiamato Aukey HD-T5.
La confezione include al suo interno troveremo il supporto chiuso in una busta di plastica ed i libretti per l’utente e la garanzia.

Recensione Aukey HD-T5

Il corpo di questo Stand Aukey è interamente realizzato in alluminio di ottima qualità ad esclusione della parte posteriore che va a regolare l’inclinazione del prodotto che è in materiale plastico ma molto resistente.
Nella porzione di spazio dove si va a riporre lo smartphone o il tablet troviamo una fascia in materiale gommoso che fa si che non si vada a rovinare il dispositivo, così come sono presenti dei gommini sullo schienale dello stand e nella parte inferiore in modo da non graffiare la superficie di appoggio.
Nella parte sinistra è presente un pulsante che se premuto permette di regolare l’inclinazione con la possibilità di ruotare lo stand di circa 360° e risulta davvero utile in quando si può regolare l’inclinazione dello smartphone in praticamente ogni modo.

Se utilizzate principalmente lo Smartphone non avrete alcun problema a disporlo sia in verticale che in orizzontale sul supporto, il discorso è leggermente diverso per i tablet, noi abbiamo provato due tipologie di tablet, da 10″ e da 7″, se messi in verticale solo il tablet da 7″ risulta stabile mentre se posizionati in orizzontale non ci sarà nessun problema.

Aukey HD-T5 è acquistabile su Amazon al prezzo di 10 euro.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.