Aukey EP-B60: recensione cuffie bluetooth con microfono

Aukey EP-B60: recensione cuffie bluetooth con microfono

Oggi ci occupiamo di cuffie bluetooth. Nello specifico vi raccontiamo la nostra esperienza con Aukey EP-B60. Si tratta di auricolari magnetici dal prezzo contenuto ma dalla qualità notevole.

La confezione di acquisto include una custodia, un paio di cuffie, manuale di istruzioni, carta di garanzia da 24 mesi, , cavo di ricarica, dei tappi di ricambio e adattatori di ricambio.

Design e funzionalità Aukey EP-B60

Le cuffie prodotte da Aukey hanno un disegno estetico molto bello. Le cuffie sono completamente di colore azzurro. Design sportivo, ergonomico e molto pratico. Con gli adattatori di ricambio è possibile adattare al meglio le cuffie alle nostre orecchie per usarle comodamente anche per svolgere attività sportive senza correre il rischio di perderle.

Inoltre, grazie ai magneti presenti sul retro delle cuffie, è possibile indossarle a mo di collana, sempre per evitare di doverle rimettere in tasca quando non sono usate.

Sulla cuffia di destra è presente un piccolo controller con dei pulsanti. Essi permettono di alzare, abbassare il volume, di passare al brano precedente o successivo, di mettere in pausa. Il tasto centrale è multifunzione, in base al numero di click può svolgere diverse funzioni.

Qualità audio

Passiamo ora alla qualità audio. Essa è davvero buona, i bassi hanno una buona presenza, nonostante siano ben bilanciati con le altre frequenze. Il volume è abbastanza alto. L’isolamento dall’esterno è ottimo.

Conclusione

Per concludere la recensione possiamo dire che queste cuffie sono ottime. Buona la qualità costruttiva e quella generale dei materiali, buona la qualità audio e sono altrettanto pratiche. L’autonomia è di 8 ore in play, dunque più che buona. Aukey EP-B60 è acquistabile su Amazon al prezzo di 22 euro.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.