Bombardieri Xian Cinese vicino al giappone

Bombardieri Cinesi e aerei spia volano vicino al Giappone: sale la tensione.

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La Cina sorvola con bombardieri e aerei spia vicino al Giappone e ammonisce di “non fare storie” a riguardo.
Sabato scorso, un velivolo dell’intelligence del Pop-A9MD (Chinese Air Force Army Air ForcePLAAF) è volato tra le isole giapponesi di Okinawa e Miyako, un’area nota come lo Stretto di Miyako. Il giorno seguente, quattro aerei bombardieri a lungo raggio Xian H-6K e un aereo da guerra senza pilota Shaanxi Y-8 hanno volato attraverso lo stretto.

I bombardieri H-6K possono trasportare un carico utile fino a 12 tonnellate e possono essere armati con sette missili antinavi supersonici YJ-12 o missili cruise terrestri CJ-10A (KD-20) in grado di trasportare testate nucleari.

I jet da combattimento giapponesi sono stati in ricognizione in entrambi i giorni, ma non hanno segnalato violazioni dello spazio aereo giapponese.

A luglio, gli H-6K cinesi hanno sorvolato l’area, facendo arrabbiare sia i governi taiwanesi sia quelli giapponesi. Sebbene in quell’incidente non sia stata registrata alcuna violazione dello spazio aereo, il governo giapponese ha inviato proteste formali alla Cina, che ha risposto affermando che il Giappone dovrebbe “non fare storie per nulla” e che Tokyo deve “abituarsi”.

Ad agosto, il PLAAF ha pilotato sei H-6K vicino alla penisola Kii di Kansai, vicino alla terraferma giapponese, per la prima volta, secondo il ministero della Difesa giapponese.
Il ministero della Difesa cinese ha fatto una dichiarazione assertiva dopo la missione, dicendo “non importa quali ostacoli si incontrino, l’Air Force cinese continuerà come prima, non importa chi vola con noi, l’Air Force cinese volerà spesso!”

Sui Bombardieri la Cina afferma: “il Giappone dovrebbe non fare storie per nulla e Tokyo deve abituarsi”.

Cina e Giappone si contestano anche il controllo di un gruppo di isole amministrate dal Giappone nel Mar Cinese orientale, chiamate Isole Senkaku dal Giappone e Isole Diaoyu dalla Cina. Taiwan anche sostiene chiamare le isole, Tiaoyutai.

La Cina ha intensificato le tensioni nel 2013 quando ha dichiarato le isole parte della sua “zona di identificazione della difesa aerea”, che gli avrebbe conferito il controllo su tutto lo spazio aereo della regione.

Il Giappone è sempre più preoccupato per le violazioni del suo spazio aereo da parte degli aerei cinesi. L’anno scorso, la Forza di autodifesa della Japan Air ha creato una nuova ala aerea da fondere alla base aerea di Naha a Okinawa. Il Giappone ha anche raddoppiato il numero di aerei da caccia utilizzati nelle missioni di intercettazione da due a quattro.
Nonostante la tensione, il ministero della Difesa giapponese ha registrato un calo generale delle ricognizioni di jet dalla prima metà di quest’anno, quando erano 287, rispetto allo stesso periodo del 2016, quando c’erano 407.

Tuttavia, il ministero della Difesa giapponese ha segnalato un aumento di voli “insoliti”, come l’esercitazione presso la penisola di Kii, e altri voli con aerei bombardieri e di raccolta di informazioni e aerei senza pilota.

Via

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24