Borsa Italiana oggi 16 dicembre 2020 quotazioni Milano Borsa Italiana oggi 15 dicembre 2020 quotazioni Milano Borsa Italiana oggi 14 dicembre 2020 quotazioni Milano Borsa Italiana oggi 11 dicembre 2020 quotazioni Milano

Borsa di Milano oggi 20 dicembre 2022

 

MILANO – Borsa di Milano oggi 20 dicembre 2022. A Piazza Affari si mettono in mostra le banche con Bper (+4,2%), Banco Bpm (+3,6%), Unicredit (+3,7%), Intesa (+1,7%) e Mps (+1,2%). In fondo al listino Campari (-2,8%) e Diasorin (-2,5%). Debole Tim (-0,3%), nel giorno del secondo tavolo tecnico sulla Rete nazionale. Questo, dunque, è l’andamento Borsa Milano.

Borsa di Milano oggi 20 dicembre 2022 e spread

La Borsa di Milano oggi, dunque, riporta questi dati. Lo spread tra Btp e Bund chiude stabile a 216 punti, con il rendimento del decennale italiano che sale al 4,45% (+9 punti base) nettamente superiore a quello della Grecia che si attesta al 4,38% (+10 punti). Seduta in rialzo anche per i tassi dei Paesi ‘periferici’ con quello della Spagna al 3,39% (+11 punti base).

Come ha chiuso la Borsa di Milano oggi?

Vediamo ora come vanno i mercati internazionali dopo aver visto l’indice Borsa Milano oggi. Le Borse europee proseguono deboli dopo l’avvio di Wall Street. I mercati proseguono incerti mentre si cercano spunti sulle future mosse delle banche centrali dopo gli ultimi rialzi dei tassi. Sul fronte valutario l’euro prosegue in rialzo sul dollaro a 1,0620. Tonico lo yen che sale a 132,42 sul dollaro e 140,66 sull’euro, dopo la decisione della Banca del Giappone di modificare la soglia di tolleranza nell’oscillazione dei rendimenti dei titoli governativi nipponici a 10 anni, ampliandola dallo 0,25% allo 0,5%.

L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,35%. In flessione Parigi (-0,45%) e Francoforte (-0,55%), piatte Londra (+0,08%) e Milano (+0,08%), in rialzo Madrid (+0,78%). I principali listini del vecchio continente sono appesantiti dal comparto immobiliare (-1,7%) e dall’informatica (-1%). Male anche le utility (-0,4%), dopo l’accordo tra i Paesi dell’Ue sul price cap che ha ridotto il prezzo del gas. Ad Amsterdam le quotazioni scendono a 107 euro al megawattora, con una flessione dell’1,4%. Seduta in terreno positivo per il comparto finanziario (+0,7%) dove le banche guadagnano l’1,5% con la prospettiva di maggiori ricavi grazie all’aumento dei tassi d’interesse. In positivo anche le assicurazioni (+0,3%). Avanza l’energia (+0,5%), mentre il prezzo del petrolio è in rialzo. Il Wti sale a 75,55 dollari al barile (+0,5%) e il Brent a 80,17 dollari (+0,46%). Tra i metalli seduta positiva per l’oro che si attesta a 1.812 dollari l’oncia (+0,4%) e per l’argento che sale a 24 dollari l’oncia (+0,9%).

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24