Calamaro gigante vissuto 200 anni: sembrava una graffetta

Calamaro gigante vissuto 200 anni: sembrava una graffetta

 

Un antico animale simile a un calamaro con un guscio che sembrava una graffetta lunga 1,5 metri potrebbe aver vissuto in genere per 200 anni. Parliamo di un animale simile ad un calamaro gigante. Il Diplomoceras Maximum (questo è il suo nome) visse circa 68 milioni di anni fa. Possiamo definirlo un contemporaneo del Tyrannosaurus Rex. Era un’ammonite – un gruppo ormai estinto di cefalopodi tentacolari – e aveva un caratteristico guscio a forma di graffetta. “È difficile non rimanere estasiati“, afferma Linda Ivany della Syracuse University, New York. “È alto quanto me“.

L’insolita forma del guscio del Diplomoceras Maximum rende difficile svelarne la biologia. Tuttavia Ivany e la sua collega, Emily Artruc, hanno ora scoperto degli indizi sulla durata della loro vita. Le prove provengono da firme chimiche rinchiuse in campioni prelevati a intervalli regolari lungo una sezione di 50 centimetri di diametro del guscio.

Quando lei e Artruc hanno esaminato gli isotopi di carbonio e ossigeno lungo il guscio, hanno trovato uno schema ripetuto nelle firme isotopiche che sospettano rifletta il rilascio annuale di metano dal fondo del mare. Questo modello si abbinava alle creste scultoree, o costole, perpendicolari alla lunghezza del guscio. Ciò suggerisce che quella specie di calamaro gigante aggiungeva una nuova costola al suo guscio ogni anno. “Questi gusci crescono per accrescimento, aggiungendo un nuovo incremento ogni anno“, afferma Ivany.

Calamaro gigante vissuto 200 anni: come risalire all’età

Dato che un guscio lungo 1,5 metri contiene molte dozzine di costole, ciò porta a un’ovvia conclusione. “L’unico scenario che sembra funzionare è rendere questa cosa vecchia di 200 anni“, dice Ivany. Infatti ha presentato la ricerca a un incontro online della Geological Society of America la scorsa settimana.

A prima vista, un mollusco di 200 anni potrebbe sembrare insignificante, dato che alcuni crostacei moderni possono vivere più del doppio del tempo. Ma il Diplomoceras maximum era un cefalopode, e tutti i cefalopodi moderni vivono velocemente e muoiono giovani. Polpi e calamari – anche le forme gigantesche – vivono non più di 5 anni circa. Nautilus, cefalopodi sgusciati, possono sopravvivere fino ai vent’anni.

Non è chiaro dunque quell’esemplare come abbia vissuto quasi 200 anni. Viveva intorno all’Antartide, dove il cibo doveva essere difficile da trovare durante il lungo e buio inverno. Ivany ipotizza che l’ammonite potrebbe aver avuto un metabolismo lento per far fronte e ha vissuto una lunga vita come effetto collaterale. In alternativa, una lunga durata di vita avrebbe potuto essere un adattamento per massimizzare le possibilità di riprodursi con successo in un ambiente così difficile.

Via

Fonte immagine copertina: Newscientist

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com