Calo di valore dell'euro, aumentano le scommesse ribassiste del mercato

Calo di valore dell’euro, aumentano le scommesse ribassiste del mercato

 

ROMA – Calo di valore dell’euro, le scommesse degli investitori hanno raggiunto il livello più alto da quando la pandemia ha colpito l’Europa più di due anni fa, in parallelo con l’aumento del rischio che i prezzi record dell’energia trascinino il Vecchio Continente in recessione. L’aumento delle scommesse contro l’euro riflette anche il rialzo del dollaro USA, che è stato rafforzato dai segnali della Federal Reserve statunitense – con i segnali giunti venerdì dal suo presidente Jay Powell – che continuerà ad aumentare i tassi di interesse per far fronte all’aumento dell’inflazione anche in un rallentamento.

Oltre alla minaccia di recessione – riporta stamane il Financial Times – l’Europa è anche alle prese con prezzi in forte aumento. All’incontro annuale dei banchieri centrali a Jackson Hole questo fine settimana, il membro del consiglio esecutivo della Banca centrale europea Isabel Schnabel e François Villeroy de Galhau, il governatore della banca centrale francese, hanno avvertito che la politica monetaria dovrebbe rimanere rigida per un lungo periodo in Europa.Secondo i dati pubblicati venerdì dalla Commodity Futures Trading Commission, gli speculatori hanno accumulato posizioni corte nette sull’euro – un modo per scommettere che la valuta scenderà di valore – di 44.100 contratti nella settimana fino al 23 agosto, rispetto ai 42.800 della settimana precedente.

Si tratta della maggiore posizione ribassista nei confronti dell’euro dall’inizio della pandemia nella prima settimana di marzo 2020, quando gli investitori hanno mantenuto posizioni corte nette di 86.700 contratti mentre l’economia dell’eurozona è precipitata in una contrazione record del dopoguerra. L’euro è già sceso del 15%, scendendo al di sotto del valore del dollaro nell’ultimo anno. La scorsa settimana ha toccato il minimo da 20 anni quando i prezzi all’ingrosso di gas ed elettricità sono saliti ai massimi storici in Europa a causa dei timori che la Russia riduca le cruciali forniture energetiche.

“L’euro in questo momento è puramente una funzione dello shock energetico europeo”, ha detto al Ft – Mark McCormick, responsabile globale della strategia FX di TD Securities. “Il fattore più importante per le prossime due settimane riguarda ciò che accade con il Nord Stream 1 (il gasdotto dalla Russia) e l’aumento dei prezzi del gas”. L’aumento dei prezzi del gas naturale ha spinto gli investitori a rivalutare per quanto tempo l’inflazione potrebbe rimanere alta e quanto duramente potrebbe colpire l’economia della zona euro poiché molti settori dalla produzione, dai fertilizzanti alla produzione di vetro avvertono che i prezzi elevati del gas stanno limitando la produzione.

Calo di valore dell’euro, aumentano le scommesse ribassiste del mercato

David Adams, capo della strategia G10 FX di Morgan Stanley, ha affermato che l’aumento delle scommesse contro l’euro riflette anche il ruolo del dollaro come “un porto sicuro in una tempesta”, nonché il fatto che gli Stati Uniti non sono così esposti alla crisi del gas. L’euro debole sta alimentando l’inflazione, facendo aumentare il prezzo delle importazioni compresa l’energia. Gli economisti prevedono che i prezzi al consumo della zona euro aumenteranno a un tasso record del 9% nell’anno fino ad agosto, quando gli ultimi dati saranno pubblicati mercoledì.

Alcuni esponenti di vertice della BCE hanno proposto di aumentare il ritmo con cui aumenta i tassi per frenare l’inflazione, dicendo che dovrebbe prendere in considerazione un aumento di 0,75 punti percentuali nella riunione dell’8 settembre, mentre Schnabel ha detto a Jackson Hole che sarà necessario un “sacrificio” più ampio per un’inflazione più contenuta rispetto ai precedenti episodi di inasprimento della politica monetaria.

Un rischio per gli investitori che scommettono contro l’euro è che il “flusso di denaro” di lunga data dall’Europa per investire negli Stati Uniti e in altre regioni potrebbe invertirsi nei prossimi sei-12 mesi poiché la BCE aumenta i tassi, rendendo le obbligazioni dell’eurozona più attraenti, ha affermato Adams.

“L’attrattiva relativa di detenere titoli europei sta aumentando”, ha affermato, aggiungendo che per gli investitori europei, i rendimenti a lungo termine derivanti dall’investimento in titoli di stato dell’eurozona potrebbero presto superare quelli disponibili dagli equivalenti statunitensi dopo aver dedotto il costo della copertura contro i movimenti valutari”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24