Carlos Sainz vince a Silverstone, Leclerc e Verstappen fuori dal podio

Carlos Sainz vince a Silverstone, Leclerc e Verstappen fuori dal podio

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il Gran Premio d’Inghilterra è stato ricco di colpi di scena, sin dalla prima curva del primo giro con l’incidente di Zhou e altri 4 piloti che ha costretto la direzione gara ad esporre la bandiera rossa per quasi un’ora. A vincere è stato Carlos Sainz sfruttando un’ottima strategia avanti a Perez ed Hamilton. Solo quarto Leclerc a causa di un errore di strategia durante il regime di Safety Car.

Carlos Sainz vince in Inghilterra: la sintesi della gara

Il Gran Premio di Gran Bretagna è iniziato con il botto. Subito dopo lo spegnimento del semaforo, diverse vetture del centrocampo sono uscite fuori pista, dritte dal rettilineo dei box piuttosto che nella curva 1 ad alta velocità. Mentre Verstappen ha preso il comando grazie alla partenza con le soft, il poleman Sainz è sceso al secondo posto. Hamilton ha avuto un’ottima partenza e ha immediatamente superato Perez e Leclerc per posizionarsi terzo, davanti a Leclerc.

La natura dell’incidente alla curva 1 ha costretto ad una bandiera rossa quando i leader erano alla curva 4. Quando Russell è uscito dalla sua Mercedes bloccata, Albon ha fatto lo stesso. Il pilota della Williams è stato urtato da Vettel che ha frenato troppo tardi. Albon ha finito per colpire il muretto dei box e poi è stato scalciato di nuovo attraverso la pista, portando con sé Tsunoda e Ocon. Ocon è riuscito a rientrare ai box nonostante una gomma anteriore destra distrutta. Tsunoda ha fatto lo stesso, sterzando con cautela lungo la pista di 5,8 km con l’ala anteriore parzialmente bloccata sotto la sua macchina.

La bandiera rossa si è resa però necessaria per l’impatto che Gyuanyu Zhou ha fatto con le barriere, oltre il muro di gomme. Il pilota cinese è stato buttato fuori pista da Russell, che è stato lui stesso bloccato. Zhou si è capovolto ed è scivolato a testa in giù in direzione delle barriere di pneumatici saltandola,  e finendo dritta contro la recinzione. Il roll-bar dell’Alfa Romeo si è strappato via nel momento in cui la sua auto ha strisciato sull’asfalto a testa in giù. Il pilota è stato praticamente protetto dall’halo che ha resistito magnificamente all’impatto.

57 minuti dopo la partenza originaria, le vetture hanno lasciato la pitlane per prepararsi alla ripartenza con l’ordine di partenza definito dalle qualifiche poiché non era stato chiuso neanche il primo settore. Sulla griglia di partenza c’erano 17 vetture e quando il semaforo si è spento, Sainz è stato molto aggressivo per difendere il suo primo posto, spingendo Verstappen all’estrema destra prima della curva 1. Questa volta Perez ha fatto un’ottima partenza ed è salito al terzo posto, proprio dietro Verstappen solo per essere battuto da Leclerc alla curva 4. Leclerc ha continuato ad attaccare Verstappen (questa volta partendo con gomme medie) ma si è dovuto accontentare del terzo posto dopo essere stato spinto a lato all’uscita della curva 6.

Al 5° giro, Perez è rientrato ai box per sostituire la sua ala anteriore danneggiata. Allo stesso tempo, Alonso ha superato Gasly per risalire al 6° posto mentre Hamilton ha superato Norris mezzo giro dopo per prendere il 4°, 5 secondi dietro Leclerc. Al 9° giro, sotto la crescente pressione di Verstappen, Sainz ha commesso un errore alle Becketts finendo un po’ largo, cedendo così facilmente il primo posto a Verstappen. Sainz è finito a 1,5 secondi da Verstappen, ma poi è riuscito a tornare al primo posto 2 giri dopo, quando Verstappen ha perso improvvisamente alcuni decimi nelle stesse curve. L’olandese ha riportato un problema ed è entrato ai box per montare le nuove gomme medie, rientrando al 6° posto.

Mentre le due Ferrari sono passate al comando, Verstappen ha riferito che il problema è persistito dopo il pitstop, dicendo “l’auto è rotta“. Il primo tempo nel settore dell’olandese è stato comunque perfettamente sul ritmo, ma ha iniziato a perdere svariati secondi nei giri successivi. Sembra che alcuni danni sull’auto di Verstappen abbiano causato una perdita di carico aerodinamico ma nulla di problematico al punto da poter andare avanti.

I problemi in Ferrari

Hamilton nel frattempo ha impressionato con una serie di giri veloci, diminuendo lentamente il distacco dalle Ferrari davanti. Il pilota Mercedes si è distinto in particolare nel secondo settore, mentre anche Leclerc ha indicato di poter andare più veloce, pur mancando la piastra terminale dell’ala anteriore destra. Le lamentele di Leclerc hanno portato a ripetute richieste da parte della squadra a Sainz di spingere di più. Lo spagnolo lo ha fatto, ma Leclerc sembrava poter andare ancora più veloce. La Ferrari ha quindi “risolto” la questione facendo fermare Sainz per mettere le dure e rientrare in terza posizione a 16 secondi da Hamilton.

Leclerc ha perso ulteriore terreno pur stando con strada libera avanti. Poi è rientrato ai box Leclerc mentre il pilota inglese ha continuato. Sainz durante quei giri ha recuperato qualche secondo di vantaggio. Verstappen nel frattempo è rientrato ai box per passare alle gomme dure. È tornato in pista appena davanti a Vettel, ma le gomme calde di quest’ultimo lo hanno visto prendere il sorpasso alla curva 4, facendo scivolare Verstappen all’8° posto.

Al 30° giro Leclerc ha finalmente superato Sainz dopo altri team radio nei confronti della sua squadra, dicendo che poteva andare molto più veloce e sostenendo che stava perdendo molto tempo. Leclerc è andato davvero più veloce e quando il distacco da Hamilton ha iniziato a diminuire, la Mercedes ha chiamato Hamilton per quello che si è rivelato essere un pitstop lento di 4,3 secondi per passare alle gomme dure. Hamilton è finito a 4,3 secondi da Sainz, ma poi ha iniziato a recuperare sui due piloti della Ferrari.

Verstappen nel frattempo è sceso al nono posto mentre Ocon ha superato la Red Bull in difficoltà al giro 36. Il successivo sorpasso sul rettilineo di Wellington, Verstappen ha sorpassato nuovamente Ocon quando il pilota Alpine ha segnalato un problema e si è fermato sul vecchio rettilineo dei box. Non essendo stato possibile sgomberare correttamente l’auto, la safety car è stata immediatamente fatta scendere in pista.

Sainz, Hamilton, Perez, Alonso, Verstappen e molti altri si sono subito fermati ai box per passare alle soft. Leclerc non lo ha fatto ed è rimasto fuori. Anche Norris inizialmente è rimasto fuori, ma è stato poi fermato ai box al giro successivo, una mossa che è stata acclamata da Alonso mentre è risalito fino al 5° posto. L’auto di Ocon è stata liberata abbastanza rapidamente, consentendo di continuare la gara al giro 42 di 52.

La ripartenza è stata una lotta incredibile con Leclerc che è stato superato da Sainz alla curva 5 dopo che lo spagnolo ha detto alla sua squadra di avere fiducia in lui dopo un altro litigio in cui la Ferrari sembrava voler mantenere Leclerc in vantaggio.

Hamilton nel frattempo ha perso una posizione nella stessa curva a causa di Perez, ma la battaglia è continuata una volta che le gomme di Hamilton hanno raggiunto la temperatura. La battaglia è stata resa più interessante poiché Leclerc ha lottato per non cedere la posizione con le sue gomme dure molto più vecchie. A 8 giri dalla fine, Perez ha superato Leclerc ma poiché entrambi sono leggermente usciti di pista, Hamilton ha preso il secondo posto. È durato solo per poche curve quando Perez è tornato presto al secondo posto.

Mentre il combattimento continuava, anche Alonso e Norris erano entrambi nel raggio di DRS dietro quella battaglia. Perez però si è allontanato nei giri successivi poiché Hamilton non è riuscito a superare rapidamente Leclerc. È passato a 3 giri dalla fine e ha anche distanziato rapidamente il pilota della Ferrari, lasciandolo a preoccuparsi di Alonso e Norris. Il vantaggio delle gomme morbide però è progressivamente diminuito, consentendo a Leclerc di mantenere il 4° posto. Alonso è finito subito dietro mentre Norris lo ha seguito pochi secondi più in basso al 6° posto. Verstappen è arrivato 7 °, combattendo ferocemente Mick Schumacher che sembrava molto ansioso di prendere quella posizione.

 

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com