Conte

Conte non esclude l’uscita dal governo: si decide tutto mercoledì

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Conte può essere decisivo per le sorti dell’attuale governo. Nella giornata di mercoledì si avrà il tanto atteso incontro con Mario Draghi al fine di chiarire i rapporti tra il premier e il Movimento Cinque Stelle. Dopo la polemica che ha riguardato il fondatore Beppe Grillo, al quale secondo una ricostruzione Draghi avrebbe chiesto di rimuovere Conte dal M5s, sono varie le ipotesi in campo. Dalla ritrovata fiducia si passa all’uscita dal governo, e non si esclude nemmeno l’ipotesi di un appoggio esterno all’esecutivo. L’iniziale incontro previsto per lunedì slitta di due giorni a seguito della tragedia della Marmolada

Decisivo l’incontro di mercoledì

“Ci sarà un incontro con Draghi e ci confronteremo, sicuramente abbiamo manifestato un disagio politico, ci sono vari passaggi politici sofferti”, ha detto Giuseppe Conte. “Questo incontro sarà importante”.  Se Draghi ha teso la mano per una pace nell’ultima conferenza di pace bisogna invece capire le intenzioni dei grillini.

Sul campo ci sono varie posizioni. Si pensa addirittura ad una possibile uscita del M5s dal governo, ma non sarà direttamente l’ex premier a decidere di suo pugno. Ci sarà un confronto interno con gli organi politici e si prenderà la decisione. Possibile anche un appoggio esterno al governo, e, non da ultimo non si esclude nemmeno la permanenza nel governo. Draghi e Conte non si vedranno più oggi come inizialmente previsto ma nella giornata di mercoledì. Dopo la tragedia della Marmolada infatti il premier, il quale ha deciso di recarsi vicino alla zona colpita, ha sentito Conte per decidere di rinviare di due giorni un incontro cruciale per il destino dell’attuale governo.

L’annuncio di Giuseppe Conte

Dopo la telefonata con Draghi il leader del M5s non esclude niente. Giuseppe Conte è aperto ad ogni possibilità dopo l’incontro di domani con il Presidente del Consiglio a Palazzo Chigi. “Il governo è nato coi Cinque Stelle, non si accontenta di un appoggio esterno”, ha detto Draghi, tendendo la mano al Movimento. Se il premier sembra più ottimista e convinto che le cose andranno a buon fine, Conte invece non sembra volersi sbilanciare:

“L’interesse del Paese richiede che se c’è un problema di questa portata”. L’ex premier rivendica come la sua forza politica “abbia fatto nascere questo governo e ha dato sempre il suo contributo di lealtà e correttezza”. Conte sottolinea che mercoledì è un’occasione importante per chiarirsi. E a Lucia Annunziata che gli chiede se ha già scelto se restare o andare via dal governo ha risposto:  “Noi le decisioni le prendiamo nell’ambito di una comunità: ci sarà un coinvolgimento degli organi politici e valuteremo”.

Autore dell'articolo: Alessio Bardelli