GP Belgio: Verstappen domina nonostante la rimonta, "disastro" Ferrari con penalità sul finale

GP Belgio: Verstappen domina nonostante la rimonta, “disastro” Ferrari con penalità sul finale

 

Il GP del Belgio ha visto una situazione completamente diversa da come ci eravamo lasciati prima della pausa estiva. La RedBull ha segnato un incredibile doppietta vedendo Verstappen rimontare dalla 16esima posizione in griglia e vincere con un distacco di oltre 16 secondi sul compagno di squadra Perez. Performance assolutamente sottotono per le Ferrari con Sainz che si deve accontentare del terzo posto, e Leclerc del sesto con non pochi problemi. Leclerc è stato penalizzato per eccesso di velocità nel pit stop fatto al penultimo giro. Leclerc aveva montato le gomme più morbide per segnare il giro veloce. Tuttavia Alonso lo ha passato. Anche se è riuscito a recuperare la posizione, il monegasco non solo non ha segnato il giro più veloce, ma ha anche superato il limite di velocità in corsia box.

GP Belgio: sintesi della gara

Max Verstappen ha tolto ogni dubbio sul fatto che sia sulla buona strada per vincere il campionato di quest’anno. Travolgendo tutti, al 12° giro era già al comando. Quando il semaforo si è spento, Carlos Sainz non ha avuto problemi a mantenere la sua prima posizione. La battaglia è avvenuta dietro con Perez che ha perso due posizioni poiché sia ​​Alonso che Hamilton hanno scelto l’interno nell’approccio a La Source e sono finiti uno dietro l’altro.

Hamilton è poi scivolato dietro Alonso ed è stato fianco a fianco dello spagnolo mentre si avvicinavano alla fine del rettilineo del Kemmel. Hamilton era all’esterno e leggermente più avanti, quindi si è girato, lasciando purtroppo poco o nessun spazio per lo spagnolo. I due si sono toccati, con Hamilton sbalzato letteralmente per aria. Il pilota inglese ha percorso mezzo giro prima di dover fermare l’auto. Il Team radio di Alonso è stato pungente quanto un’ape: “Questo ragazzo sa partire e guidare solo quando parte primo“.

Dato che anche Bottas si è ritirato a causa di un contatto a Les Combes, due vetture danneggiate lungo la pista hanno costretto la direzione gara a far entrare la Safety Car. Quando Leclerc ha segnalato un problema, lo hanno chiamato al terzo giro, consentendo loro di rimuovere una visiera a strappo che stava bloccando il condotto del freno anteriore destro. Senza lo stop anticipato, il problema si sarebbe convertito in un ritiro sicuro per il monegasco.

Al 5° giro la gara riprende con Sainz davanti, seguito da Perez, Russell, Alonso, Vettel, Ricciardo, Albon, Verstappen, Stroll e Magnussen. Ocon è 11° e Leclerc 17°, davanti solo a Latifi che si è fermato anche lui durante la SC. La ripartenza ha visto Russell e Alonso sfidare Perez, ma quando Russell si è tirato indietro, Alonso ha cercato di minacciare la Mercedes a Les Combes prima di decidere di non provare ciò che Hamilton aveva provato al primo giro. Alla fine del 5° giro, Verstappen era risalito fino al 6° posto, ovviamente aiutato dalle gomme morbide e dall’ottima velocità di punta della sua Red Bull. Alla fine del sesto giro l’olandese ha effettuato un facile sorpasso su Vettel alla chicane Bus Stop ancor prima che fosse abilitato il DRS. Ovviamente, con quel sistema abilitato quando hanno tagliato il traguardo, Verstappen ha superato Alonso al Kemmel al 7° giro per salire al 4° posto. Un giro dopo, la stessa sorte è toccata a Russell quando Verstappen ha completato un giro più veloce di oltre un secondo rispetto a Perez e 0,8 secondi più veloce di Sainz.

Leclerc nel frattempo, dopo essere passato alle gomme medie durante la sua sosta anticipata, è finito per essere bloccato in un enorme treno di vetture che usavano il DRS che andava da Magnussen all’11° posto fino a Latifi al 17°. Verstappen ha avuto più problemi a superare Perez quando lo ha raggiunto lamentandosi che stava perdendo molto tempo dietro al suo compagno di squadra. Quando Sainz si è fermato ai box al decimo giro quando il degrado si è rivelato più alto in tutto il campo, Verstappen è passato al comando superando Perez al rettilineo del Kemmel.

Alonso è rientrato ai box un giro dopo e Perez altri 2 giri dopo, mentre Verstappen apparentemente ha continuato senza problemi con le soft. L’olandese è rientrato ai box al 15° giro. Passando alle gomme medie, Sainz ha tagliato il traguardo ed è tornato in testa alla gara, con 4,3 secondi di vantaggio su Max Verstappen e 5,5 secondi su Sergio Perez. 2 giri dopo Verstappen aveva colmato il divario e ripreso il comando sulla scia di un giro più veloce che era 2,4 secondi più veloce di quello segnato da Carlos Sainz e un secondo intero più veloce di quello di Perez. Perez ha superato Sainz al giro 21.

Al 26° giro è arrivato il momento per le Ferrari e Alonso di effettuare le loro seconde soste. Sainz è passato alle nuove gomme dure ed è rientrato al 4° posto. Leclerc ha montato le medie ed è sceso al 7° posto mentre Alonso era 13° con un nuovo set di gomme dure. Sono seguite molte soste mentre quelli con gomme fresche non hanno avuto problemi a recuperare posizioni rispetto agli altri. Verstappen si è fermato ai box al 31° giro ed è tornato in testa con un margine di 8 secondi sul suo compagno di squadra. Nel frattempo Alonso è risalito al 6° posto grazie ai numerosi sorpassi e ai successivi pitstop di Vettel e Ocon. Quest’ultimo ha poi fatto una grande mossa sorpassando sia Gasly che Vettel sul rettilineo del Kemmel, rievocando un sorpasso che Hakkinen una volta riuscì a fare su Schumacher nel 2000.

Anche le gomme medie di Ocon sembravano funzionare molto meglio delle hard più vecchie da 7 giri di Alonso, avvicinando lentamente le Alpine verso la fine della gara. Con 4 giri rimasti, erano a 4 secondi di distanza. I progressi di Russell, d’altra parte, si sono bloccati intorno ai 2 secondi nonostante la Ferrari abbia chiesto ripetutamente a Sainz di evitare i dossi a bordo pista. Leclerc al 5° posto era nella terra di nessuno e aveva con 20 secondi di vantaggio su Alonso dietro.

l divario ha spinto la Ferrari a rientrare ai box Leclerc per passare alle soft, ma quando il loro pilota ha lasciato i box, Alonso era proprio sulle sue spalle e presto ha colto l’occasione per prendere il 5° posto. Nell’ultimo giro, però, Leclerc è tornato al 5° posto ma ha mancato di assicurarsi il giro più veloce. Difficile dire se la Ferrari lo abbia calcolato, ma sembrava davvero un affare rischioso lasciarsi alle spalle di Alonso al penultimo giro per poi affidarsi a Leclerc per risolverlo di nuovo. Dopo la gara è arrivata la penalità di 5 secondi per eccesso di velocità in pitlane. Leclerc dunque è retrocesso in sesta posizione. Alonso sale in quinta. 

Fonte immagine copertina: Red Bull Content Pool

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com