Allegri

Caro Allegri, in Champions bisogna giocare a calcio

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Caro Allegri, così non va

“Caro Allegri per fare bene in Champions League, bisogna giocare a calcio”. Questo è il pensiero unanime, o quasi, dei tifosi bianconeri. Sono stufi di vedere una squadra senza gioco e idee. In campionato tutto viene mascherato da una giocata  vincente, uno squillo di un singolo. Ma anche in questo caso di gioco corale, nemmeno a parlarne. Fino ad ora il tecnico livornese si è mascherato con la classica frase ” Se arrivano i risultati non capisco di cosa ci si debba lamentare”. Una verità a metà. Nel senso che quest’anno, la Juve ha già abbandonato la Coppa Italia, ed ieri in Champions League non ha fornito una bella prova.

Strategia troppo rinunciataria

Ieri sera si è vista un squadra troppo rinunciataria, ed in alcuni elementi (Mandzukic e Pjanic su tutti) assolutamente  lontani da una forma fisica accettabile. È  inutile schierare Cristiano Ronaldo, il croato e Dybala, se poi non si supera la metà campo con la voglia di andare fino in fondo. Dybala gioca troppo lontano dalla porta, a quel punto perché schierarlo e lasciare, ad esempio, Douglas Costa fuori (unico in grado di provare ad aprire la difesa avversaria, non essendo disponibile  Cuadrado). Tutte domande legittime che lasciano l’amaro in bocca. Adesso non si può più accampare la scusa della rosa, visto che la dirigenza ha portato a Torino Ronaldo, Cancelo, Bonucci.

Le parole non bastano più

Anche Ronaldo se non supportato adeguatamente, sparisce nella pochezza della manovra. Per vincere in Europa bisogna aggredire gli avversari per 180 minuti, senza soluzione di continuità. Tenere in panchina Cancelo è un chiaro segnale, dell’esatto contrario. Sui social Allegri e Chiellini hanno suonato la carica, confidando nella partita di ritorno allo Stadium. Per ora solo parole, quello che dovrà parlare è il campo, unico giudice incontrovertibile. Se dovesse riuscire l’impresa, si griderebbe al miracolo ma la domanda da porsi è la seguente “La Juventus con l’organico che ha a disposizione, deve ridursi a simili  avventure?”

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24