Chiusa inchiesta su Alberto Genovese, l’imprenditore verso il processo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Chiusa inchiesta su Alberto Genovese, l’imprenditore verso il processo. La Procura di Milano ha chiuso le indagini su Alberto Genovese. La magistratura si propone di rinviare a processo l’imprenditore, per le presunte violenze sessuali nei confronti di una 18 enne. Abusi avvenuti  il 10 ottobre scorso a Milano nel suo attico di lusso: “Terrazza sentimento”. Ma i magistrati si occupano anche di un altro caso, una violenza avvenuta ad Ibiza il 10 Luglio 2020 su un’altra giovane di 23 anni. La ragazza,  una modella resa incosciente grazie ad un mix di Droghe. Per quest’ultimo caso la richiesta riguarda anche la fidanzata di Genovese.

Chiusa inchiesta su  Alberto Genovese, le decisioni della Procura

Sempre la Procura di Milano ha stralciato le contestazioni sui presunti abusi denunciati da altre due ragazze. Il Gip Tommaso Perna non ha ritenuto credibili le loro versioni e ha rifiutato l’arresto chiesto dai Pm. Per questi episodi, dopo un’attenta valutazione i togati potrebbero chiedere l’archiviazione. La chiusura delle indagini riguardano le imputazioni di violenza sessuale aggravata, detenzione e cessione di stupefacenti e lesioni per il caso del 10 ottobre. In quell’occasione, il fondare di Facile.it avrebbe abusato per ore di una 18 enne che poi lo ha denunciato agli inquirenti. L’uomo  è stato arrestato il 6 Novembre scorso grazie ad indagini coordinate dai Pm Rosaria Stagnaro e Paolo Filippini.

Altre indagini

In  più, Alberto genovese deve rispondere anche dell’accusa di avere stuprato, stavolta assieme alla fidanzata, che però non è stata tratta in arresto, una modella 23 enne ad Ibiza. La violenza è avvenuta il 10 luglio scorso. Genovese per abusare della giovane le avrebbe propinato un mix di droghe. E più precisamente un miscuglio di Ketamina e cocaina. Genovese però si è sempre proclamato innocente alle accuse a lui contestate. Anzi in più occasioni ha riferito che le ragazze, che entravano nella sua stanza erano assolutamente consenzienti. Sarà però la magistratura a fare chiarezza su un caso di cronaca che ha fatto molto discutere i mass-media.

Foto fonte in evidenza

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24