I cibi ultra-processati sono collegati all’obesità

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I Cibi ultra-processati sono collegati all’obesità, questo è quanto emerso da un recente studio che mira a verificare le connessioni tra l’obesità e la qualità del cibo assunto.
Il cibo confezionato è troppo lavorato attraverso procedimenti industriali e quindi meno sano del suo equivalente naturale.

Che cosa sono i cibi ultra-processati?

 

Dall’espressione inglese processed foods, sono quei cibi confezionati e con una lunghissima tempistica di conservazione. Le multinazionali guadagnano molto più con questo tipo di cibo che i consumatori acquistano di più rispetto al cibo naturale. Basti pensare che già nelle piccole realtà del piccolo negozio di prodotti alimentari o del piccolo supermercato i clienti acquistano meno prodotti naturali. In caso di mancata vendita andrebbero smaltiti provocando una non poco considerevole perdita di guadagno.

Lo studio dei cibi ultra-processati

Con questo studio i ricercatori hanno preso in analisi per quattordici giorni due gruppi di persone.
Uno si è nutrito solo di cibi ultra-processati ed un altro solo di cibi naturali, gli studiosi hanno elaborato le diete in modo da offrire la stessa quantità di calorie, zuccheri grassi e macro-nutrienti.
Chi ha assunto solo cibi ultra processati, in media assumeva anche 500 calorie in più ed ingrassava di un chilo ogni due settimane. Inoltre mostrava dopo i pasti quantità elevate dell’ormone PYY (ormone dell’appetito). Se questo studio  non dovesse bastare ad allarmarci a riguardo, un ulteriore studio del 2018 pubblicato sulla prestigiosa rivista  British medical Journal ha concluso che: assumere questa tipologia di cibi spazzatura porta  un maggior rischio di sviluppare il cancro.

Michael Pollan: dichiarazioni del giornalista pluripremiato per i best seller sul mangiar bene

Il giornalista e scrittore Michael Pollan in merito alla qualità del cibo ha dichiarato: “ Non mangiare nulla che tua nonna non riconoscerebbe come cibo”. Lo scrittore pluripremiato per i suoi best seller sul cibo, asserisce da anni che i cibi ultra-processati sono collegati all’obesità. Demonizza le grandi industrie agroalimentari che mettono da parte la nostra salute per fini di lucro.

 

Fonte immagine acquisita da:  Pinterest

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24