Depeche Mode

Depeche Mode: è morto il tastierista Andrew Fletcher

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Si è spento Andrew Fletcher. Il musicista dei Depeche Mode aveva 61 anni. A comunicarlo è la band sui propri canali ufficiali social. Il musicista è stato un pilastro della band e ha contribuito a creare insieme agli altri musicisti il sound che li ha resi famosi nel mondo. La band chiede il massimo rispetto per la privacy. Al momento non si sa nulla delle cause del decesso del musicista.

Addio al musicista dei Depeche Mode

Grave lutto nel mondo della musica. Si è spento Andrew Fletcher, il tastierista dei Depeche Mode. Il musicista aveva 61 anni. La notizia arriva dal sito ufficiale della band britannica. Fletcher ha fondato la band insieme a Martin Gore e a David Gahan.

Inutile dire che se ne va un pezzo della storia della musica mondiale. Molto amato dal pubblico, Andy si è unito al gruppo nei primi anni Ottanta e oltre ai Depeche Mode ha portato avanti anche un’interessante carriera come solista. Fletcher lascia la famiglia alla quale era sempre stato legato da vicino, la moglie Grainne Mullan e i figli Meghan e Joe. Al momento, stando alle prime indiscrezioni, non sono ancora state diffuse le cause del decesso del musicista. La famiglia in queste ore chiede la massima privacy.

Il comunicato della band

“Siamo scioccati e sopraffatti dalla tristezza per la scomparsa prematura del nostro caro amico, membro della famiglia e compagno di band Andy ‘Fletch’ Fletcher”, scrivono i compagni con un post sui social. “Fletch aveva veramente un cuore d’oro e c’era sempre quando avevi bisogno di sostegno, di una conversazione vivace, di una buona risata oppure di una pinta fredda”.

Infine un appello a rispettare la privacy della famiglia: “I nostri cuori sono vicino alla sua famiglia”, si legge alla fine del comunicato. “Vi chiediamo di tenerlo nei pensieri vostri e di rispettare la privacy in questo difficile momento.

 

 

Autore dell'articolo: Alessio Bardelli