Dinamo Sassari, Pozzecco

Dinamo Varese, Pozzecco presenta il match

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Dinamo Varese è la sfida del campionato italiano di Serie A di basket, in programma oggi, domenica 12 gennaio. La palla a due scatterà al PalaSerramigni alle ore 18.30. Il coach della Dinamo Gianmarco Pozzecco ha presentato negli scorsi giorni la sfida nella Club House sassarese. Al riguardo ha affermato: “È finito il girone di andata e, in attesa della sfida di domenica con Varese che aprirà il girone di ritorno, tiriamo le somme. Prima di tutto bisogna riconoscere con sportività il valore della Virtus che finora ha fatto una grande stagione. Complimenti a Djordjevic per il lavoro straordinario che sta svolgendo. Noi siamo molto contenti di aver tenuto il loro passo ed essere a soli due punti di distanza, per questa ragione anche Sassari deve essere orgogliosa di quello che ha fatto finora. Devo scusarmi con Jack perché nella partita di Ostenda c’è stata confusione. L’ho fatto giocare solo pochi centesimi. Domenica ci attende una partita che per me è particolare. Non sarà sicuramente come le altre, perché Varese rappresenta molto di più del mio passato, lì c’è tanto della mia vita e sarà una partita particolare”.

Dinamo Varese, si avvicinano le Final Eight

La Dinamo Sassari dopo la sconfitta in Champions League, riprende la marcia in campionato affrontando in casa Varese. Intanto, si avvicinano anche le Final Eight. Al riguardo Pozzecco in conferenza stampa ha sostenuto: “Quando si arriva a un appuntamento del genere è ovvio che le statistiche sulla carta contano il giusto. Molto dipenderà dallo stato di forma delle otto squadre e da quello che riusciranno a mettere in campo in sfide secche da dentro o fuori. Paradossalmente credo che la più penalizzata possa essere la Virtus. Pur chiudendo nella migliore posizione possibile che in teoria dovrebbe dare un vantaggio, incontrerà Venezia che è un avversario più che ostico”.

 

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu