dottore arrestato per violenza

Dottore arrestato per violenza carnale

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Un dottore di 65 anni è stato arrestato dagli inquirenti per violenza sessuale. L’uomo, che esercitava nell’ospedale di Manfredonia in provincia di Foggia è stato raggiunto da un’ordine di custodia cautelare. I magistrati del Tribunale della città gli hanno inflitto gli arresti domiciliari, con l’obbligo di non esercitare più la professione per 6 mesi. L’ospedaliero avrebbe violentato almeno 5 donne di età compresa fra i 30 e 40 anni. Le violenze sessuali avvenute tra il 2004 e il 2019 interessano esclusivamente alcune pazienti dello specialista. Una nel 2004, una nel 2005, due nel 2017 e una nel 2019. Il medico dell’ospedale San Camillo De Lellis si chiama Nicola Bisceglia. Le indagini sono partite da una denuncia sporta da una giovane paziente del laureato. Attualmente il suo avvocato Matteo Fidanza non ha rilasciato alcuna dichiarazione al riguardo. Gli inquirenti però pensano, che ci possano essere altre vittime, e le stanno cercando.

Dottore arrestato per violenza carnale. Il modus operandi

Il modus operandi del medico ” violentatore” era sempre lo stesso. Durante accertamenti sulla loro salute, le costringeva a subire atti sessuali contro la loro volontà. Per piegarle alle sue pressanti richieste, le riduceva in una condizione di inferiorità psicologica. Una sorta di rapporto morboso dottore- paziente. Prospettava alle vittime patologie inesistenti provocando in loro  uno stato di choc perenne. Tali da rafforzare l’affidamento in lui. In altre occasioni, sosteneva la necessità di approfondimenti diagnostici. In taluni casi, proponeva anche  l’uso di un’ecografo, incoerente rispetto ai reali bisogni medici. Si comportava come se fossero visite ginecologiche, mentre invece le pazienti si erano rivolte a lui per altri problemi. Dolori alla spalla,  all’addome , allo sterno o addirittura ad un tallone diventavano una buona occasione per abusare delle donne. I reati contestati allo specialista sono aggravati dal fatto, di essere stati commessi, da un incaricato di pubblico servizio nell’esercizio delle proprie funzioni.

Altri casi di violenze sessuali perpetrate da dottori

Purtroppo, non è la prima volta che un medico compie violenza sessuale sulle proprie assistite. Qualche tempo fa, anche un neurologo savonese era finito in manette per violenza sessuale. Michele Giugliano di 63 anni ha tentato di baciare e palpeggiare una 16 enne. Il fatto è avvenuto mentre la giovane si trovava immobilizzata in un letto d’ospedale, affetta da una grave malattia. Lo scandalo ha travolto pure l’ordine dei medici di Savona. E soprattutto l’opinione pubblica. Data la minore età della vittima. La piccola soffriva altresì di crisi di panico. Fortunatamente la ragazzina aveva raccontato tutto alla mamma. La donna poi aveva riferito tutto agli inquirenti. Qualche settimana fa, è avvento l’incidente probatorio. Il magistrato ora deve decidere sulla sorte del dottore. Cioè se  rinviarlo a processo. Una scelta difficile, ma attesa. Un atto di giustizia  in fondo dovuto. L’infanzia va sempre protetta.

Fonte foto pixabay

 

 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Vittoria Seminara

Avatar
Salve, mi chiamo Vittoria Seminara, scrivo da quando avevo 12 anni. Ho pubblicato 5 libri, tutti premiati a livello internazionale. Il mio motto di battaglia è Vi Veri Veniversum vivus Vici, di Curzio Rufo, Con la forza della verità in vita ho conquistato l'universo.