Einride: il camion elettrico con guida automatica

Einride: il camion elettrico con guida automatica

Einride ha appena rivelato il prototipo del T-pod, il suo camion elettrico con guida automatica. Il veicolo della società svedese può trasportare 15 pallet standard e può viaggiare per 200 km con una sola carica. E poiché non c’è bisogno dell’autista che guida, il T-pod non ha l’abitacolo ed è senza finestrini. Il risultato è un aspetto molto futuristico.

Come funziona il camion Einride

Il camion utilizza una specie di guida semiautomatica. Mentre sulle autostrade, il T-pod ha la completa guida automatica, sulle strade urbane, una persona umana deve gestire in remoto il sistema di guida. Le persone controlleranno i T-pod anche mentre guidano sulle autostrade nel caso in cui si verifichi una situazione che richiede l’intervento dell’uomo. Einride sta attualmente lavorando sulle colonnine di ricarica per i camion elettrici.

Einride non è l’unica azienda che lavora su autocarri senza conducente. Waymo, Uber e Daimler sono tra le aziende più famose che sviluppano veicoli simili. Per la spedizione a scala più grande, saranno utilizzate navi autopilotate con supporto del controllo a distanza, ma non solo. Infatti, a far compagnia alle navi, ci saranno dei droni molto grandi.

Il prototipo T-pod non è ancora completamente sviluppato, ma Einride prevede di avere il suo primo camion completato a disposizione dei clienti in autunno. Entro il 2020, l’azienda prevede di avere una flotta di 200 camion che viaggeranno tra le città svedesi di Göteborg e Helsingborg, trasportando un milione di pallet all’anno.

Fonte

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
   

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.