Elisabetta Casellati Presidente del Senato: ecco chi è

Elisabetta Casellati è il nuovo Presidente del Senato dopo l’accordo partorito tra centrodestra e Movimento Cinque Stelle. Un nome a sorpresa, quella della forzista, nato da un passo indietro di Berlusconi e dal fatto che la Lega avesse bruciato la candidatura della Bernini.  Con la sua elezione, Elisabetta Casellati diventa la prima donna della Repubblica Italiana ad essere eletta alla seconda carica dello Stato. Vediamo di sapere qualcosa di più sul nuovo inquilino di Palazzo Madama.

Fedelissima di Berlusconi

Maria Elisabetta Alberti Casellati è una delle fedelissime di Silvio Berlusconi. Il suo legame con il Cavaliere risale al tempo della discesa in campo del leader di Forza Italia, nel 1994. Laureata in Giurisprudenza e Diritto Canonico, ha ricoperto il ruolo di componente del Consiglio Superiore della Magistratura dal 2014 a quest’anno, quando, l’elezione a senatrice, ha fatto decadere il suo mandato. Settantuno anni, ha ricoperto già gli incarichi di Sottosegretario al Ministero della Salute (2004-2006) e della Giustizia (2008-2011).

Celebri i suoi litigi televisivi con gli oppositori del Cavaliere. In particolare memorabile è uno scambio infuocato con Marco Travaglio alla trasmissione Otto e Mezzo, in cui minacciò di abbandonare lo studio.

Accuse di familismo

Elisabetta Casellati è stata al centro di polemiche durante il suo ruolo di Sottosegretario al Ministero della Salute. Era il 2005 e, appena insediata, non perse tempo e piazzò a capo della segreteria del dicastero la figlia Ludovica, precedentemente assunta a Publitalia (la concessionaria della Mediaset) . Inevitabili, piovvero sulla sua testa le accuse di familismo. La Casellati si difese affermando che l’assunzione della figlia non aveva nulla a che fare con dei favoritismi, ma, semplicemente, per creare un rapporto fiduciario “anche rimettendoci economicamente”.

Una curiosità: la Casellati è nota agli amanti di gossip per essere stata l’avvocato di Stefano Bettarini nel processo di divorzio contro Simona Ventura, all’epoca rappresentata da Anna Maria Bernardini De Pace.

VAI