Froome correrà per l'Israel Start-Up

Froome correrà per l’Israel Start-Up Nation

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Froome correrà per l’Israel Start-Up Nation nella stagione ciclistica 2021. L’annuncio ufficiale è arrivato negli scorsi giorni dopo che il team Ineos aveva comunicato la fine del rapporto col britannico al termine della stagione ciclistica 2020. Stagione che riprenderà nel mese di agosto con una compressione di tante corse in soli tre mesi. Ricordiamo infatti, che il Covid-19, ha portato ad una rivoluzione all’interno del mondo dello sport, con stagioni e calendari che sono stati riorganizzati.

Chris Froome quindi parteciperà con la maglia dell’Ineos alle prossime corse sperando di centrare l’obiettivo che da tempo si è prefissato: vincere il quinto Tour de France. Non resta quindi che attendere la fine di agosto quando partirà la Grande Boucle per scoprire se il britannico riuscirà nella grande impresa.

Froome correrà per l’Israel Start-Up. Le dichiarazioni di Sylvan Adams

A parlare del trasferimento di Chris Froome nella nuova squadra è l’imprenditore canadese Sylvan Adams. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha affermato: “Quando hai la fortuna di poter ingaggiare il migliore, devi per forza pensare in grande. Chris fino ad ora ha vinto 7 Grandi Giri, Merckx è a 11: secondo me è realistico immaginare che possa puntare al record e a quel punto si potrebbe discutere su chi possa essere il miglior ciclista di sempre. Intanto gli auguro di vincere il quinto Tour de France quest’anno, così il sesto, quello del record assoluto, lo potrà conquistare con noi”.

Qualche anticipazione è giunta anche per quel che riguarda lo scenario futuro del corridore. Adams al riguardo ha dichiarato: “La Corsa Rosa è nel mio cuore e in quello di Froome. Senza dubbio nella programmazione di Chris per i prossimi anni ci sarà sempre spazio per due grandi corse a tappe e il Giro avrà sempre un posto speciale. Lo ha vinto una sola volta, sono convinto che non gli basta”.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu