Giovanni Trapattoni pallone calcio

Giovanni Trapattoni compie oggi 80 anni.

 

Giovanni Trapattoni compie oggi 80 anni.

Il mondo del calcio e,  se vogliamo, l’intero e vero sport festeggiano oggi il compleanno di un suo grande protagonista e campione.

Le sue esatte generalità anagrafiche sono: Giovanni Luciano Giuseppe Trapattoni, nato a Cusano Milanino il 17 marzo 1939.

Auguri di vero cuore, il tuo nome è legato a tanti trionfi, ma soprattutto, alla leggenda che in una partita hai annullato il grande Pelè.

Da grande sportivo, quale tu sei sempre stato, hai ristabilito la verità.

Affermasti che quel giorno il grande Pelè giocò solo per onore di firma poiché era infortunato a una caviglia e la sua presenza in campo fu limitata a 26 minuti.

Minuti durante i quali lo marcasti e lo seguisti in ogni area del campo come un mastino, fino a costringerlo ad abbandonare la partita amichevole Italia Brasile.

La nostra nazionale vinse per 3-0  con gol di Sormani, Mazzola e Bulgarelli, ma questa è un’altra storia…

Giovanni Trapattoni ha un palmares di tutto riguardo da calciatore.

[adrotate banner=”37″]

Giovanni Trapattoni – la carriera da giocatore

Signore nel campo  e fuori, la sua vita è costellata di tanti successi sportivi.

Dopo il suo debutto alle olimpiadi di Roma in cui l’Italia si classificò quarta, debuttò con la Nazionale Italiana al San Paolo di Napoli il 10 dicembre 1960 in una partita amichevole contro l’Austria.

Perdemmo per  1-2 con gol di  Hof, Boniperti e Kaltenbrunner ma si distinse per la sua tecnica e combattività.

I dati statistici che seguono rendono ancor più l’idea della sua splendida carriera da mediano, ma anche a volte da terzino.

Con il Milan ha vinto quasi tutto:

  • Due volte campione d’Italia;
  • Vince la coppa intercontinentale, sempre col Milan nell’anno 1969;
  • Vince la coppa della coppe UEFA sempre col Milan nell’anno 67-68;
  • Due volte vincitore della coppa dei campioni sempre col Milan (62-63 e 68-69);
  • Vince la coppa Italia nell’anno 66/67 col Milan.

Debuttò col Milan nel 1958 in Milan-Como; aveva venti anni quando arrivò alla serie A con la partita Spal-Milan che terminò con la vittoria del Milan per 0-3.

Fedele ai colori rossoneri,  col Milan ha totalizzato ben  274 presenze in campionato in 14 stagioni.

Abbandonò la maglia del Milan e la sua grande voglia di giocare lo portò a vestire i colori del Varese, col quale terminò la sua carriera di calciatore.

La sua è una vita a servizio del calcio “giocato” e non parlato e tale è stato ed è ancora nella sua carriera (ancora in atto) da allenatore.

La carriera da allenatore

Come allenatore ha portato una ventata giovanile nel mondo del calcio.

Iniziò questa nuova carriera come allenatore della Nazionale dell’Irlanda, per proseguire poi con RB Salisburgo, VfBStoccarda,  Benfica, Italia, Fiorentina, Bayern, Cagliari, Bayern, Juventus, Inter. Milan e Milan Giovanili.

Numerosi i suoi successi in questo ruolo, con qualche delusione anche, ma sempre accettata fra signorilità e, qualche volta, con voce grossa.

E’ rimasto celebre il suo linguaggio tedesco e qualche sua simpatica “papera”.

Aperto al dialogo con tutti, accettava con serenità le critiche, non disdegnando raramente qualche piccola polemica che faceva parte anche del suo carattere e del suo “modus vivendi” di grande tecnico del calcio.

Giovanni Trapattoni ha anche il merito di aver lanciato numerosi giovani che sono diventati, con gli anni, grandi campioni.

Non aveva mai dimenticato la scuola che Nereo Rocco gli aveva fatto da giovane calciatore.

Forse può interessarti anche:

Genoa Juventus, probabili formazioni e dove seguire la diretta

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Marco Vittoria