Giuseppe Conte elogia il sud

Giuseppe Conte elogia il sud

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ISERNIA – Giuseppe Conte elogia il sud. D’altronde già quest’estate si era capito che il meridione fosse tra le sue priorità. Parlando con i giornalisti da Isernia, in occasione della firma del Cis Molise, il premier ha infatti dichiarato quanto segue:

“Il Sud ha grandi potenzialità. Qui ci sono tanti giovani. E i giovani sono la ricchezza del nostro Paese. Le iniziative connesse al Cis non sono monadi sparse, entrano in un progetto integrato, fanno sistema tra loro e creano le premesse per un rilancio a tutto tondo della Regione”.

Il presidente del consiglio, prima del bagno di folla a Napoli per “Italia a 5 Stelle“, è tornato nella piccola regione molisana per un’importante firma. Ecco cosa ha affermato Conte intervenendo alla Prefettura di Campobasso:

“Questo è un percorso iniziato otto mesi fa. Sono arrivati centinaia di progetti. Con il vostro entusiasmo ci avete messo in imbarazzo. Noi abbiamo costituito una commissione molto articolata, abbiamo chiesto a Invitalia di lavorare sodo”.

Giuseppe Conte elogia il sud in visita in Molise

Il premier Giuseppe Conte ha poi aggiunto:

“Questo è un progetto corale, e deve essere corale perché riguarda l’intera comunità regionale. Abbiamo selezionato 153 progetti, su 91 comuni, 96 da stakeholders vari. C’è una grande rappresentazione di questa comunità”.

Selfie e applausi per il presidente anche a Isernia dove, all’entrata e all’uscita dall’Auditorium Unità d’Italia per l’incontro con 650 studenti delle scuole superiori, si è trattenuto diversi minuti con i residenti. Il capo del governo, subito dopo, si è fermato a pranzo alla Cooperativa Lai “Lavoro anche io” (foto), che si occupa di integrazione lavorativa per i ragazzi con disabilità.

[adrotate banner=”24″]

Con il ministro Roberto Gualtieri, ha garantito Conte ai cronisti, “stiamo mettendo a punto i dettagli della manovra, stiamo lavorando su un piano anti-evasione”. Il premier ha inoltre precisato:

“Sin dall’inizio serve un’indirizzo di politica economico-sociale forte, cercando di favorire l’uso della moneta elettronica e nella convinzione che ciò porterà all’emersione dell’economia sommersa”.

Autore dell'articolo: Elena De Lellis