Gli italiani

Gli italiani amano il food delivery straniero: spopola il cibo etnico e cinese

 

Gli italiani amano mangiare straniero quando scelgono il food delivery. Una tendenza sempre più in voga tra le nuove generazioni. Il cibo di asporto ha davvero rivoluzionato il mondo dell’alimentazione. Seppur essere un processo molto antico, con l ‘arrivo delle app e delle multinazionali, il mercato si è andato ad espandere a macchia d’ olio. Le prime catene proponevano cibo americano o italiano. Basti ricordare nei primi anni 90′ Mc Donald o Burger King. Negli ultimi venti anni gli appassionati italiani hanno confermato la loro propensione  per il  cibo etnico e cinese. Una passione per cibo mediorientale che nasce anche da esperienze di viaggio e che oggi si dimostra essere caratterizzante.

Il sondaggio promuove cibo etnico e cinese

Il viaggio per gli appassionati di cibo è una tappa fondamentale per sperimentare nuovi sapori. Le nuove destinazioni degli ultimi anni portano il nome di Thailandia, Arabia Saudita e Nord America. Gustare le specialità dell’ estero e poterle ordinare stando comodamente seduti sul divano di casa sembra essere la soluzione preferita per gli italiani.  Tra i processi che muovono la passione per i piatti stranieri c è  la curiosità di mangiare un nuovo menu ed anche la possibilità di gustarlo in compagnia. Un altra opzione che spinge verso il food delivery è invece la praticità. Ordinare cibo di asporto fa risparmiare tempo in cucina e per chi non ha voglia di mettersi ai fornelli  rappresenta la soluzione ideale. Secondo un recente sondaggio il 61 % sceglie la cucina giapponese mentre il restante 29 % quella messicana. Il momento perfetto per ordinare il  delivery resta il week-end per il 47 %, mentre l’altra parte lo ordina anche nel resto della settimana.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Sergio Cimmino