GP Giappone: Verstappen domina ed è campione del mondo

GP Giappone: Verstappen domina ed è campione del mondo

 

Il GP del Giappone ha visto Max Verstappen dominare una gara che si è conclusa allo scadere del tempo limite. Lo start del Gran Premio, infatti, previsto per le ore 07.00 è stato effettuato regolarmente, ma le condizioni proibitive del tracciato e la scarsa visibilità hanno costretto la direzione gara ad esporre la bandiera rossa anche a causa dei numerosi incidenti, contatti e ritiri verificati nelle prime fasi della gara. La gara è ripresa dopo un paio di ore con il conto alla rovescia. La gara è durata meno di un’ora ma è stato assegnato, come da regolamento, il punteggio pieno. A dare spettacolo, però, sono state le battaglie dietro il leader, ad oltre 25 secondi di distacco. Leclerc e Perez sono arrivati in volata ma un errore del Monegasco all’ultima chicane dell’ultimo giro lo ha visto tagliare la curva. La direzione gara ha quindi dato una penalità di 5 secondi che ha visto Perez passare in seconda posizione e Leclerc scalare al terzo. Con questo cambio di posizioni, Max Verstappen è campione del mondo per la seconda volta consecutiva.

GP Giappone: la sintesi della gara

Allo spegnimento dei semafori, Leclerc apparentemente ha fatto la partenza migliore, ma con Verstappen sulla traiettoria esterna sulla rapida prima curva a destra è riuscito a mantenere il vantaggio. Leclerc è rimasto al secondo posto perché sembravano correre straordinariamente veloci sotto la pioggia battente ma con le gomme intermedie. Nella top 10 solo Perez riesce a guadagnare una posizione mentre Sainz scende al 4° posto. Vettel nel frattempo era sceso all’ultimo quando ha ricevuto una leggera toccata da Alonso. La sua macchina non è stata danneggiata e ha potuto continuare dopo un testacoda alla curva 1. Ricciardo intanto ha guadagnato 3 posizioni al via, Tsunoda 4, Schumacher 5, Stroll 8 e Magnussen 5. Norris e Bottas hanno perso terreno.

Durante il primo giro, diversi piloti hanno scoperto che sulla pista c’erano alcune zone bagnate difficili da gestire. Prima Sainz ha perso il controllo ed è andato a muro a Degner 1. Poi Zhou è andato in testacoda senza danni all’uscita del tornante e Gasly ha raccolto un cartellone pubblicitario, portandolo ai box e passando alle gomme Full Wet. Alex Albon della Williams si è ritirato per quello che sembrava un problema tecnico nel primo giro.

Mentre Sainz è stato fortunato a non essere investito da nessun altro mentre era fermo, la posizione della sua vettura ha costretto la Safety Car ad entrare in pista per un solo giro prima che la gara venisse interrotta. Ancora una decisione interessante dato che tutti i piloti avevano la possibilità di passare alle gomme da bagnato se la pista si fosse rivelata troppo bagnata. La FIA ha difeso la bandiera rossa a causa del peggioramento delle condizioni ma, come la storia ha dimostrato, a Suzuka cala rapidamente il tramonto.

Mentre tutti stavano fermi nella corsia box, Perez e Gasly sono stati visti furiosi. Le immagini hanno rivelato che in condizioni di gara c’erano due trattori di recupero in pista. Tenendo presente quello che è successo a Jules Bianchi anni fa sulla stessa pista, la reazione è stata piuttosto logica. La FIA ha commentato: “La Safety Car era stata schierata e la gara neutralizzata. L’auto 10 (Gasly), che era stata danneggiata ed era rimasta ai box dietro la Safety Car, stava guidando ad alta velocità per raggiungere le altre vetture. Poiché le condizioni stavano peggiorando, la bandiera rossa è stata mostrata prima che l’Auto 10 passasse il luogo dell’incidente dove era stata danneggiata il giro precedente“.

Sulla base di questa affermazione, il consenso tra i piloti era molto diverso. Dopo che Sainz ha commentato che ciò non dovrebbe accadere se ci fosse stata comunque una bandiera rossa, il presidente della GPDA Alex Wurz ha dichiarato: “Penso che dobbiamo discutere di un trattore in pista….. possiamo essere brevi: questo NON deve succede“. A peggiorare le cose, la FIA ha quindi risposto convocando Gasly agli steward per spiegare perché era passato sul luogo dell’incidente “a una velocità massima di 250 km/h“. Fondamentalmente, è stata la FIA a decidere di far entrare in pista un veicolo prima che ogni macchina da corsa fosse in coda dietro la safety car.

Dopo 20 minuti dall’interruzione, è stato annunciato un riavvio progressivo 50 minuti dopo l’orario di partenza iniziale. Le posizioni erano: Verstappen, Leclerc, Perez, Ocon, Hamilton, Alonso, Russell, Ricciardo, Tsunoda, Schumacher, Stroll, Magnussen, Norris, Bottas, Latifiy, Vettel, Zhou e Gasly. Purtroppo, due minuti prima che la gara ripartisse, il controllo di gara ha riferito di sospendere la ripartenza. Molti molti minuti  è stato annunciato un altro restart, questa volta 2 ore e 15 minuti dopo l’orario di partenza prestabilito in origine.

Questa volta, la partenza è avvenuta con tutti che sono usciti dai box con le gomme da bagnato in coda dietro la safety car. Quel primo giro ha mostrato come le curve ad Esse apparissero notevolmente più asciutte di prima, mentre la parte posteriore del circuito al tornante e alla curva Spoon erano ancora molto, molto bagnate. Esteban Ocon ha tuttavia riportato rapidamente una migliore visibilità. Anche Perez ha riportato alcuni miglioramenti mentre Bottas ha affermato che la visibilità non era abbastanza buona quando si correva dietro altre vetture.

A metà del secondo giro, le luci della safety car si sono spente, preparando il gruppo per una vera e propria ripartenza. Quando i primi hanno ripreso la gara, Vettel e Latifi sono rientrati immediatamente ai box per passare alle gomme intermedie. Con la visibilità ancora scarsa, nessuno ha tentato un sorpasso. Leclerc è stato molto vicino a Verstappen mentre Perez ha subito perso molto terreno. Poiché anche Norris e Bottas si sono fermati ai box per le intermedie, Magnussen è stato il primo a fare una mossa di sorpasso in pista, portando Stroll all’11° posto. Al termine di quel giro quasi tutto il gruppo è rientrato ai box per passare alle intermedie. Alonso, Ricciardo, Schumacher e Zhou sono stati gli unici rimasti su Full Wet all’8° giro. Alonso e Ricciardo sono rientrati ai box il giro successivo, portando Schumacher in testa. Il pilota della Haas è stato però superato da Verstappen prima di tagliare il traguardo. I primi cambi di gomme di Vettel e Latifi nel frattempo hanno dato i loro frutti dato che erano 7° e 9° al 10° giro.

Schumacher nel frattempo continuava a scommettere su una possibile safety car ma stava rapidamente perdendo terreno con le sue gomme da bagnato estremo. Il tedesco ha perso due posizioni al giro 11 e ha girato 6 secondi al giro più lento del suo compagno di squadra e 10 secondi al giro più lento di Verstappen e Leclerc. Quando Schumacher è finalmente passato alle intermedie è scivolato in ultima posizione, 14 secondi dietro il penultimo.

Davanti, Verstappen ha costantemente costruito il suo vantaggio su Leclerc, aumentando a 8,8 secondi al giro 15. Nello stesso giro, Russell ha superato Tsunoda per il 10° posto all’esterno della sezione finale delle Esse e ha continuato a superare rapidamente Norris per il 9° posto attraverso la chicane. Hamilton nell’altra Mercedes ha sfidato allo stesso modo Ocon per numerosi giri ma non è riuscito a superarlo. Hamilton chiaramente mancava di velocità massima rispetto alla Alpine, problema che ha evidenziato già dopo le qualifiche. Lo stesso vale per Alonso che ha inseguito Vettel senza un’evidente opportunità di superarlo. Russell nel frattempo ha effettuato un altro sorpasso ed è risalito all’8° posto dopo aver superato Latifi al giro 21.

Zhou d’altra parte si è fermato ai box per le gomme intermedie fresche e ha fatto segnare il giro più veloce facendo ben 3 secondi più veloce di quello che qualsiasi altra vettura riusciva a fare in quel momento. Con 9 minuti rimasti sul cronometro prima della fine della gara, il tempo stringeva per chiunque volesse fare lo stesso. Al 23° giro, a 8 minuti dalla fine, Alonso è rientrato ai box dall’8° posto ed è rientrato in gara al 10° posto. Lo spagnolo ha subito avuto un secondo settore record e ha superato Norris per il 9° posto e presto ha portato anche Latifi a salire in 8°. Leclerc nel frattempo ha lottato duramente sulle intermedie e stava perdendo a 1,5 secondi al giro contro Verstappen mentre Perez era arrivato proprio dietro di lui.

Dato che Verstappen ha ottenuto facilmente la vittoria, Leclerc alla fine ha mantenuto il secondo posto mentre praticamente mancava la chicane finale e ha allargato il più possibile la sua macchina per evitare che la Red Bull passasse. Leclerc però è stato successivamente retrocesso al terzo posto per aver ottenuto un vantaggio lasciando la pista. Alonso è tornato al 7° posto superando Russell all’inizio dell’ultimo giro e quasi ha preso Vettel per il 6°, ma è rimasto bloccato a 0.011 secondi dall’Aston Martin.

Fonte immagine copertina: RedBull Content Pool

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com