Charles Leclerc gp singapore

GP Singapore: Charles Leclerc in pole position, Verstappen ottavo

 

Le qualifiche del GP di Singapore sono state rese più complesse del solito dall’asfalto che ha iniziato ad asciugarsi nelle prime fasi delle qualifiche. I piloti, soprattutto nelle fasi finali della sessione, hanno dovuto scegliere se scendere in pista con le intermedie o se iniziare ad azzardare con le gomme slick soft. Nei primi minuti delle Q3 nonostante molti avessero ancora le soft, non era stato autorizzato ancora l’utilizzo del DRS Infatti in alcuni tratti l’asfalto era ancora umido. A conquistare la pole position è stato Charles Leclerc. Nonostante i 9 decimi di vantaggio alla fine del secondo settore, Verstappen è stato richiamato nei box dopo un errore nella chicane sotto al tunnel: partirà ottavo.

GP Singapore: la sintesi delle qualifiche

Con la pista ancora bagnata dalle piogge di inizio giornata, l’inizio delle qualifiche è stato un affare complicato. Le FP3 avevano mostrato che le intermedie funzionavano bene in queste condizioni, quindi tutti hanno deciso di dare il via alle qualifiche con le gomme con banda verde. Mentre il rettilineo principale era relativamente asciutto, parti della pista erano troppo bagnate per indurre chiunque ad azzardare visti anche i muretti ravvicinati.

Dopo 10 minuti dall’inizio delle qualifiche, i soliti sono emersi in cima alla classifica. Leclerc aveva appena fatto segnare il miglior tempo, superando Verstappen e Perez. Hanno seguito poi Sainz, Hamilton, Stroll e Russell. Tuttavia, il distacco dietro i top team era piuttosto ampio con Stroll che era un secondo più lento di Hamilton.

Diversi errori e traversi hanno mostrato quanto fosse facile perdere aderenza con una piccola pozzanghera. A due minuti dalla fine Magnussen è balzato al 6° posto, mezzo secondo sotto Hamilton. Alonso è migliorato fino al 9° posto lasciando McLaren, Williams e AlphaTauri in posizioni a rischio.

Quando la bandiera a scacchi è stata sventolata, Hamilton ha migliorato di 1,5 secondi passando in testa alla classifica, seguito da Verstappen che ha migliorato di un altro decimo il precedente migliore del pilota Mercedes. Leclerc e Sainz non stavano cercando un miglioramento ed essendo fuori pericolo erano già di ritorno ai box.

Mick Schumacher è sopravvissuto negli ultimi secondi, eliminando Bottas, Ricciardo, Ocon ed entrambe le Williams. Poi è iniziata la Q2 con 15 vetture e ancora tutte sulle intermedie. Charles Leclerc, ad esempio, ha riferito che “le pozzanghere bagnate renderebbero molto rischioso il passaggio alle slick“. A metà sessione, subito dopo aver fatto segnare il miglior tempo finora, il monegasco sembrava prendere in considerazione le slick, ma un cambio gomme simile a un pitstop lo ha visto affrontare invece nuove Inter.

Qualche istante dopo è stato Sebastian Vettel a correre il rischio passando alla mescola slick più morbida disponibile. Vettel era 10°, ma la strategia non ha pagato: è stato eliminato. Il suo compagno di squadra Stroll è stato l’8° più veloce e allo stesso modo è passato alle gomme morbide.

A tre minuti dalla fine sia Haas, Zhou, Russell e Tsunoda avevano tutti bisogno di migliorarsi per entrare nel Q3. Quando Russell è migliorato fino al 7° posto, Zhou è passato alle soft e il giro è quasi finito contro le barriere a causa della mancanza di aderenza. Nelle fasi finali ci sono stati enormi miglioramenti, con il risultato che tutti i piloti sulle slick sono stati eliminati insieme a Russell e Schumacher.

La parte finale delle qualifiche ha visto la Red Bull scendere in pista con le soft. La Ferrari sembrava essere in qualche modo in dubbio fino a quando Leclerc non ha chiamato la soft, con conseguente ritardo per la partenza. Anche Hamilton è uscito un po’ più tardi. 8 vetture alla fine hanno optato per le slick mentre Tsunoda e Magnussen sono rimasti con le intermedie.

Hamilton è stato il più veloce con un certo margine, superando Tsunoda che aveva battuto comodamente tutti gli altri piloti sulle slick con il suo primo giro su intermedie. Hamilton però è stato di altri 2 secondi più veloce dell’AlphaTauri. La pista però si è evoluta rapidamente quando Alonso è balzato al top della classifica, presto migliorato da Leclerc e poi ancora da Hamilton. Verstappen e Perez si sono successivamente inseriti al secondo e al terzo posto anche se le riprese di bordo hanno mostrato che Verstappen stava essenzialmente scivolando ad ogni singola curva.

A 1 minuto dalla fine Alonso è tornato in vetta con Leclerc che ha presto restituito il favore migliorando con 1.325. Il successivo è stato Sainz che è salito al 4° posto. Alonso è poi migliorato ancora una volta per assicurarsi il 5° posto in griglia quando Perez è finito a 0,022 secondi da Leclerc che ha conquistato la pole position.

Verstappen d’altra parte ha visto la situazione evolversi di male in peggio per lui. Al suo penultimo traguardo ha tagliato il traguardo a metà del settore 3 mentre nell’ultimo giro gli è stato detto di rientrare ai box, lasciandolo partire 8°. Chiaramente c’è stato un malinteso quando Verstappen si è arrabbiato via radio. La risposta del team è stata un semplice “ti spiegheremo dopo la sessione, Max“.

I tempi delle qualifiche

Di seguito è riportato l’ordine dei tempi del GP di Singapore

Pos. No. Driver Car Q1 Q2 Q3 Laps
1 16 Charles Leclerc Ferrari 1:54.129 1:52.343 1:49.412 20
2 11 Sergio Perez Red Bull Racing Rbpt 1:54.404 1:52.818 1:49.434 19
3 44 Lewis Hamilton Mercedes 1:53.161 1:52.691 1:49.466 23
4 55 Carlos Sainz Ferrari 1:54.559 1:53.219 1:49.583 22
5 14 Fernando Alonso Alpine Renault 1:55.360 1:53.127 1:49.966 23
6 4 Lando Norris Mclaren Mercedes 1:55.914 1:53.942 1:50.584 24
7 10 Pierre Gasly Alphatauri Rbpt 1:55.606 1:53.546 1:51.211 24
8 1 Max Verstappen Red Bull Racing Rbpt 1:53.057 1:52.723 1:51.395 20
9 20 Kevin Magnussen Haas Ferrari 1:55.103 1:54.006 1:51.573 23
10 22 Yuki Tsunoda Alphatauri Rbpt 1:55.314 1:53.848 1:51.983 23
11 63 George Russell Mercedes 1:54.633 1:54.012 17
12 18 Lance Stroll Aston Martin Aramco Mercedes 1:55.629 1:54.211 15
13 47 Mick Schumacher Haas Ferrari 1:55.736 1:54.370 16
14 5 Sebastian Vettel Aston Martin Aramco Mercedes 1:55.602 1:54.380 15
15 24 Zhou Guanyu Alfa Romeo Ferrari 1:55.375 1:55.518 14
16 77 Valtteri Bottas Alfa Romeo Ferrari 1:56.083 7
17 3 Daniel Ricciardo Mclaren Mercedes 1:56.226 9
18 31 Esteban Ocon Alpine Renault 1:56.337 9
19 23 Alexander Albon Williams Mercedes 1:56.985 7
20 6 Nicholas Latifi Williams Mercedes 1:57.532 8

Fonte immagine copertina: Scuderia Ferrari

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com