I corridori presenti al Tour

I corridori presenti al Tour de France

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 
I corridori presenti al Tour de France aumentano ogni giorno di più. La Grande Boucle prenderà il via alla fine del mese di agosto e vedrà tra i protagonisti la maggior parte dei grandi nomi. Infatti, sono diversi i corridori che hanno preferito correre il Tour piuttosto che il Giro d’Italia. Questa scelta è dovuta in parte anche alla compressione del calendario della stagione ciclistica in soli tre mesi. E con la sovrapposizione anche della corsa rosa con la Vuelta, le scelte dei corridori sono pressoché costrette. Va da sè che chi parteciperà al Giro non potrà correre la Vuelta e viceversa.
Da evidenziare sicuramente la scelta del Team Ineos che al Tour si presenterà con tre big: Egan Bernal, Chris Froome e Geraint Thomas. Il primo è il detentore della scorsa edizione. Il secondo invece, punta alla conquista del quinto titolo, mentre il terzo è stato maglia gialla a Parigi nel 2018. Risponderà al trio Ineos la Jumbo-Visma che cercherà di vincere col trio composto da Primoz Roglic, Tom Dumoulin e Steven Kruijswijk. Occhi puntati anche sui colombiani Nairo Quintana, Miguel Angel Lopez e Rigoberto Uran, gli spagnoli Mikel Landa ed Alejandro Valverde e i francesi Thibaut Pinot e Julian Alaphilippe.
In chiave azzurra non bisogna dimenticarsi di Fabio Aru. In questo caso c’è da sciogliere ancora un nodo. Aru sarà capitano o si limiterà a far da gregario al compagno di squadra Tadej Pogacar?

I corridori presenti al Tour de France, tra sicuri e probabili

I corridori sicuramente presenti al Tour de France sono: Egan Bernal, Chris Froome, Geraint Thomas, Primoz Roglic, Tom Dumoulin, Steven Kruijswijk, Thibaut Pinot, Romain Bardet, Tadej Pogacar, Julian Alaphilippe, Nairo Quintana, Rigoberto Uran, Fabio Aru, Miguel Angel Lopez, Mikel Landa, Alejandro Valverde, Adam Yates, David Gaudu.

Tra i probabili invece vi sono: Bob Jungels, Simon Yates, Domenico Pozzovivo.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu