Fabio Aru a breve ufficiali i suoi obiettivi

Fabio Aru a breve ufficiali i suoi obiettivi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Fabio Aru, a breve saranno ufficiali i suoi obiettivi per una stagione anomala che sta per prendere il via. Infatti a partire dalla fine di agosto e per tre mesi, saranno concentrate tutte le più importanti corse del mondo del ciclismo. Stiamo parlando del Tour de France, del Giro d’Italia e della Vuelta di Spagna, più le varie classiche e le corse di una sola giornata. Il nuovo calendario è già stato ufficializzato dall’Uci, ma potrebbe subire delle variazioni in base all’evolversi della curva epidemiologia. Ovviamente, i corridori hanno ripreso i loro allenamenti per raggiungere la forma fisica e sono prossimi a prendere le decisioni sul futuro. Tra questi c’è anche Fabio Aru che ha deciso di scegliere tra il Tour de France e il Giro d’Italia. Il cavaliere dei Quattro Mori è propenso nello scegliere di correre la Grande Boucle. Ricordiamo che il Tour è in programma tra la fine di agosto e il mese di settembre.

Fabio Aru a breve ufficiali i suoi obiettivi. Le dichiarazioni del corridore

Fabio Aru è propenso a correre il Tour de France. Al riguardo ai microfoni di Domenica Sport, su Rai Radio 1, ha affermato: ” Qualunque siano le corse a cui parteciperò spero di essere lì a combattere, è quello per cui sto lavorando. Il programma del 2020? Ne stiamo discutendo in questi giorni con il team, prima avevo in programma il Tour de France e ci sono buone probabilità che sia al via. Aspettiamo l’ufficialità che verrà data a breve dalla squadra. Quest’anno il calendario è stravolto, il Tour e il Giro d’Italia sono vicini. Penso sia impossibile per qualsiasi corridore partecipare ad entrambi. Bisogna prendere quello che viene visto il problema da cui siamo stati colpiti, la cosa importante è correre da agosto a novembre. Speriamo sia possibile”.

Non resta quindi che attendere l’ufficialità per scoprire il nuovo programma di Fabio Aru.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu