Il film Toy Story 4

Il film Toy Story 4 è arrivato al cinema

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il film Toy Story 4 è arrivato al cinema

Il film Toy Story 4 è arrivato al cinema. Dopo nove anni da Toy Story 3 arriva il quarto film della saga sui giocattoli più famosi del mondo. Woody, Buzz Lightyear sono pronti ad intraprendere nuove avventure, accompagnati da due “new entry”.

Forky, la forchetta di plastica del film Toy Story 4

Si tratta di Forky, una forchetta di plastica trasformata dalla piccola Bonnie durante il primo giorno di asilo in un giocattolo. Forky, doppiata dall’attore Tony Hale e, nella versione, italiana, da Luca Laurenti, non ha fiducia in se stessa, crede di essere spazzatura e vuole solo buttarsi via. Woody (con la voce di Tom Hanks e da noi, per la prima volta, senza quella di Fabrizio Frizzi) si lega alla forchetta e cerca di farle capire l’importanza dell’amore di una bambina, senza grandi risultati. Forky finisce per saltare giù da un camper in corsa e si perde.

La pastorella Bo Peep torna in una nuova “versione”

Allora il cowboy si muove per ritrovarla, iniziando un lungo viaggio, costellato di peripezie, che lo porterà a conoscere nuovi amici e a rincontrare la pastorella Bo Peep. Quest’ultima non appartiene più a nessuna bambina ed è a capo di una piccola banda con le sue tre pecorelle.
Nella versione originale la voce è dell’attrice americana Annie Potts che ha dichiarato: “è moderna, indipendente, capace e sicura di sé. Bo è scritta e concepita come un personaggio in grado di ispirare il pubblico: ha sopportato gli alti e bassi della vita con grazia. Anch’io spero di riuscirci“.

Lo stunt-man Duke Caboom

L’altro nuovo personaggio del film è Duke Caboom, uno stunt-man che parla con un accento canadese, abbandonato dal suo bambino perché non era non in grado di fare le stesse acrobazie della pubblicità. Duke ha crisi d’identità e deve fare i conti con i fallimenti del suo passato. Il giocattolo è doppiato da Keanu Reeves e, in italiano, da Corrado Guzzanti.

Il timore di diventare inutili, desueti, le fragilità dei personaggi, l’incombenza della fine, della morte sono temi molto ricorrenti nel film della Pixar. Esiste una vita al di fuori dell’amore per un bambino? Ogni giocattolo cerca un modo per affrontare e sconfiggere la paura dell’abbandono.

Fonte Immagine: MovieMedia 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Avatar