Il lupo della Maiella

Il lupo della Maiella e la sua gestione fa scuola in Europa

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il lupo della Maiella fa scuola in Europa. Simone Angelucci, veterinario del Wildlife Research Center del Parco, ha tenuto lezioni online a 50 operatori portoghesi e oltre 400 spagnoli

Anni di studi, ricerche, appostamenti hanno dunque portato il lupo della Maiella a fare scuola ad altri studiosi delle diverse parti d’Europa.

A ciò vanno altresì aggiunti azioni innovative portate avanti con gli allevatori della Maiella; così come la vocazione a condividere esperienze e studi con colleghi di tutto il mondo: tutto questo ha reso il Parco Nazionale della Maiella punto di riferimento per la conservazione e la gestione del lupo.

Il corso di formazione tenuto dal veteriario Angelucci, era organizzato in partnership con progetto Life Euro Large Carnivores, principalmente gestito da:

  •  Wwf Spagna,
  • Wwf Portogallo,
  • Institute of Conservation of Nature and Forest,
  • associazione Rewilding Portugal.

Nel dettaglio poi l’obiettivo di formare guardie forestali, guardie parco, veterinari e tecnici per l’accertamento dei danni da lupo sugli allevamenti.

Sì  è così generato un confronto con professionisti spagnoli e portoghesi su come stiano evolvendo le ricerche gestionali

Tutto il territorio europeo è infatti interessato da una significativa ripresa demografica delle popolazioni di grandi carnivori. In Europa ci sono quasi 20mila lupi e circa 17mila orsi.

I carnivori sono in condizioni di conservazione più favorevoli rispetto a qualche decennio; infatti sono aumentate le prede selvatiche, cinghiali, cervi, caprioli, quasi in tutti i territori del continente.

Ma, soprattutto negli ultimi 50 anni, l’uomo ha abbandonato montagne e campagne.

I selvatici trovano quindi ampie aree di rifugio nei terreni una volta coltivati, oggi abbandonati, fino a ricolonizzare aree inaspettate.

La nuova relazione tra uomini e animali selvatici è certamente l’effetto positivo di anni di conservazione, ma impone sfide di gestione e competenze consolidate.

Per questo i tecnici del Parco sono impegnati a esportare il “modello Maiella” in contesti internazionali che guardano ad esso con grande interesse.

 

Articoli simili: Il report Animali in città

Foto di Steve da Pexels

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.