Inter - Napoli partita entusiasmante, viziata da episodi di razzismo

Inter – Napoli partita piacevole, viziata da episodi di razzismo

 

Inter – Napoli posticipo 18^ giornata di Serie A parte subito forte, già al calcio d’inizio i nero azzurri stavano per segnare una clamorosa azione da goal grazie alla rasoiata potente colpita da  Mauro Icardi nel calcio d’inizio. L’azione  ha lasciato spiazzato in primis il portiere Meret e poi i telecronisti galvanizzati dalla giocata, colpendo in pieno la traversa. La partita è stata un botta  e risposta ininterrotto tra le due squadre entrambe dalle doti offensive elevate, con le due retroguardie  veramente solide ( le migliori del campionato dopo la Juve) i due reparti più sollecitati. Ad 8 minuti dalla fine Koulibaly si fa espellere ormai innervosito dai cori razzisti della curva avversaria. Il difensore partenope si fa espellere per doppio giallo rifilato dopo un fallo e un applauso irrispettoso sull’arbitro. Da lì in poi la compagine napoletana si sfalda anche se con un guizzo allo scadere in 10 il terzino dell’Inter Asamoah para sulla linea di porta un goal fatto dopo una splendida parata di Handanovic.

Nel post-partita  di Inter – Napoli a Sky Calcio Club Caressa fa notare come effettivamente i cori razzisti verso il giocatore di colore degli azzurri siano stati ripetuti e come sia Callejon che Insigne, si rivolgano all’arbitro facendogli notare i cori che hanno fatto innervosire il loro compagno di squadra. Cori razzisti vi erano stati già prima dell’inizio della partita insieme a cori di discriminazione territoriale nei confronti dei sostenitori del Napoli – che avevano portato  durante il match a svariati richiami da parte dello speaker dello stadio.

 Inter – Napoli posticipo 18a giornata: film della gara

Un’Inter  solida con un buon possesso palla soprattuto nel primo tempo vince il big match della 18^ giornata della Serie A TIM contro il Napoli di Carlo Ancelotti ormai deconcentrato dopo l’uscita del proprio leader della difesa Koulibaly. La rete di Lautaro Martinez avviene in pieno recupero, l’argentino  regala tre punti fondamentali ai nerazzurri per il prosieguo del campionato. La classifica sui partenopi si accorcia, i neroazzuri si portano a 36 punti a -5 dai napoletani.

L’Inter si fa pensierosa già al primo minuto con Mauro Icardi che batte il calcio d’inizio direttamente verso la porta di Meret, cogliendo di sorpresa il portiere napoletano e con una rasoiata potente  colpisce  la traversa da centrocampo.

L’avvio di gara si presenta a tinte nerazzurre che al 6′ minuto il cross teso di Brozovic da sinistra, sorvola area piccola prima di essere neutralizzata da Mario Rui.

Due minuti più tardi, Politano prova la conclusione con uno spettacolare sinistro al volo che però termina lontano dall’incrocio dei pali. I partenopi iniziano a macinare gioco al 10′ con un tentativo di Milik, potente e impreciso di sinistro.

Al 16′ Handanovic deve impegnarsi per parare un fantastico tiro di destro a giro di Insigne. Al 24′ minuto l’infortunio del capitano del Napoli Hamsik costringe il tecnico emiliano a schierare Maksimovic. La partità rimane equilibrata fino al 32′ dove il croato Ivan Peresic colpisce con un bellissimo sinistro al volo ma l’arbitro ferma tutto per un millimetrico fuorigioco.

Il Napoli controbatte al 37′ con una conclusione dalla distanza finita a lato sulla sinistra. Nella successiva azione  Joao Mario colpisce di testa su cross di Politano, la palla colpita troppo centrale dal portoghese è preda facile di Meret. Agli sgoccioli del primo tempo al 43′ un bellissimo velo di Joao Mario libera Mauro Icardi che si libera facilmente riuscendo a saltare Meret, ma Koulibaly in tackle sulla linea risulta determinante negando la gioia al capitano nerazzuro. La compagine di Spalleti chiude in attacco, Peresic fa da sponda a Joao Mario che dal limite  di destro manda sul fondo. Mazzoleni fischia la partita il risultato rimane sullo  0 a 0.

Nella ripresa al 54′ si presentano pericolosi in area del Napoli i neroazzuri, Icardi dopo aver ricevuto il pallone da Ivan Peresic smista una buona palla all’incursore Brozovic che di destro però non inquadra la porta. Al 61′ abbiamo un bel  cross di Politano su Peresic che, non riesce ad agganciare e  a tirare al volo. Spalletti visto il prevalere da svariati minuti del centrocampo del Napoli decide di sostituire uno stanco Borja Valero con Vecino e mettere forze fresche al centrocampo. Insigne al minuto 66 da posizione centrale pesca Callejon che esplode un destro da 20 metri, Handanovic si allunga e ribatte.

L’inter controbatte   al 69′ con un bellissimo scambio di prima tra Joao Mario, Politano e Peresic il cui cross viene bloccato da Koulibaly, prima che Icardi riesca ad insaccare nell’area piccola.

Ancelotti al 71′ decide di sostiuire  Mertens con Milik autore di una buona prestazione, mentre  Spalletti si gioca anche la carta Keita, al  posto di Perisic. Al 78′ minuto ultimo cambio per il Napoli che sostituisce un esausto Mario Rui con Faouzi Ghoulam.

A 10 minuti dal 90′ Koulibaly contrasta con una trattenuta sulla fascia Politano facendogli guadagnare un primo giallo. Successivamente un applauso plateale ai danni dell’arbitro gli fa prendere il secondo giallo. Il francese viene espulso per somma di ammonizioni.

Il tecnico nerazzurro cerca immediatamente di sfruttare la superiorità numerica, inserendo Lautaro al posto di Joao Mario per l’assalto finale. Al minuto 83 una nitida occasione per l’Inter, da corner Icardi incorna di testa sul calcio d’angolo di Politano,Meret reattivo salva in tuffo. Seppur in inferiorità numerica il Napoli non si perde d’animo al 90′, è sfiora il vantaggio: Handanovic respinge un tentativo ravvicinato di Insigne, poi Asamoah  ribatte sulla linea di porta il tap-in di Zielinski. Scampato il pericolo, l’Inter riesce a trovare  il gol della vittoria in pieno recupero, su cross di Keita, velo di Vecino e zampata vincente dentro l’area di Lautaro, che col sinistro non lascia scampo a Meret. Negli ultimi secondi sale il nervosismo tra Keita e Insigne che viene espulso. Il Napoli finisce la partita in nove.

Dichiarazioni di Luciano Spalletti post-partita Inter – Napoli:

Un boato al 92′ esulta al goal del “Toro”:

“Mi è sembrata un’Inter forte dall’inizio alla fine – ha dichiarato Luciano Spalletti al termine del match cont -. Abbiamo vinto meritatamente per le occasioni che abbiamo creato, poi è vero che se non ci avesse messo una pezza Asamoah avremmo anche potuto perdere. È stata una bellissima gara, giocata da due squadre che hanno messo in mostra un buon calcio, facendo girare palla in velocità”.

Spalletti parla del marcatore della partita Lautaro:

“Si sta allenando bene e sta facendo quello che deve fare. Nelle ultime gare avrebbe potuto fare meglio per le sue qualità, ma stasera ha sfruttato l’occasione e si è fatto trovare pronto. Non potevo però schierarlo dall’inizio perché sarebbe stato difficile giocare con un centrocampista in meno contro una squadra come il Napoli”. Quindi, sulla prestazione di Joao Mario: “Sa giocare a calcio, conosce la qualità del palleggio corto. Fisicamente e caratterialmente gestisce sempre la palla in maniera pulita, ma a volte ci vuole un atteggiamento più “esecutivo”. Deve imparare ad alternare meglio questi due momenti, ma è un buonissimo giocatore”.

Spalletti spiega l’esclusione di Nainggolan:

“Radja lo abbiamo voluto tutti perché ha le caratteristiche giuste per dare qualcosa in più al nostro centrocampo, ma è stato fuori una partita perché non si è comportato in maniera corretta e nel calcio ci sono delle regole da rispettare. È stato multato, ora rientrerà in gruppo e vedremo se sarà a disposizione per la gara contro l’Empoli”.

Dichiarazioni di Carlo Ancelotti nel post-partita Inter – Napoli:

Ancelotti parla in merito alle dinamiche dell’espulsione del difensore francese:

“L’espulsione di Kalidou ha determinato il risultato. Stavamo spingendo nel finale e ci ha condizionato molto essere rimasti in dieci”. Carlo Ancelotti a fine gara evidenzia non solo l’episodio dell’espulsione di Koulibaly ma anche i cori razzisti verso il centrale azzurro:

“Mi spiace perchè per tre volte abbiamo chiesto alla Procura federale che fosse sospesa la partita per i cori razzisti diretti a Koulibaly. Il ragazzo era nervoso, è un calciatore educato che è stato bersagliato dallo stadio. La partita, nonostante le nostre richieste e gli ululati, non è stata interrotta. E invece per me andava interrotta sennò la prossima volta saremo noi a fermarci, qualsiasi cosa accada”.

“Kalidou era agitato e nervoso, non aveva uno stato d’animo sereno perchè ci tiene molto al discorso sul razzismo per il quale è impegnato anche socialmente. Quello che è successo oggi non va bene non solo per noi ma anche per il calcio italiano”.

“Nonostante questo potevamo segnare noi al 90esimo e forse avremmo vinto lo stesso la partita”.

Il tecnico emiliano parla  delle occasioni avute non concretizzate e delle scelte tattiche:

Peccato, perchè con il passare dei minuti avevamo guadagnato campo e stavamo comandando il gioco. Sapevamo che l’Inter poteva essere colpita sugli esterni e per questo ho scelto Callejon basso a destra”.

“Quando loro si sono abbassati noi siamo venuti fuori e abbiamo avuto il possesso del pallone. La partita era stata preparata bene. Mi spiace molto del finale così nervoso e per quello che è successo a Koulibaly”

“Adesso pensiamo alla partita di mercoledì per chiudere bene l’anno. Il risultato di stasera non cambia niente rispetto a quelli che sono i nostri obiettivi”

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.