Ivano Monzani, lo steward di Milano diventato un idolo

Ivano Monzani, l’idolo del web si rivela: i suoi artisti preferiti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Ivano Monzani è entrato senza saperlo nella storia. In tempi di meme e di social network non serve soltanto essere un influencer, un attivista, un artista o presunto tale. Quello che conta è la faccia giusta al momento giusto. E lui, Ivano, steward della provincia di Milano, è capitato al posto giusto nel momento giusto. Due settimane fa, durante il concerto del trapper Paky, ha sfoderato una faccia che grazie a Tik Tok ha fatto in pochi giorni il giro del web.

Lo steward diventato idolo

Lo scorso 28 giugno durante l’esibizione del rapper Paky c’era Ivano, un addetto alla sicurezza. L’evento era il LoveMi, ideato da Fedez e J-Ax per raccogliere fondi per alcune malattie che colpiscono i bambini. Verso la fine del pomeriggio lo steward viene filmato mentre fa un’espressione piuttosto perplessa, difficile da descrivere a parole. La faccia è dovuta la testo del rapper.

L’artista cantava i versi più famosi di Blauer: “Figlio di pu**ana non finocchio”. E la sua espressione facciale è diventata virale in pochi giorni. Di diritto è diventato un meme che sta spopolando e forse farà parte di quelli destinati a durare a lungo sui social network.

Che musica ascolta Ivano Monzani

Le espressioni di Ivano hanno fatto il giro del web in pochi giorni. E in tanti, tra gli amanti della musica rock, lo hanno reso un idolo in risposta a quel rap troppo volgare e più in generale alla musica di pessima qualità. Qualche sito è andato a scovare i gusti di Monzani sul suo profilo social.

E dai post scopriamo che è un grande amante della musica Rock, Hard rock ed Heavy metal. Condivide post sul cantante Ozzy Osbourne, sui Queen of the Stone Age, sui Depeche Mode, ama il rock di Janis Joplin e degli Who. E tra gli altri artisti che sembra apprezzare troviamo anche Amy Winehouse, Queen.

Autore dell'articolo: Alessio Bardelli