Keith Richards e Robert Plant

Keith Richards critica Robert Plant: “La sua voce mi fa venire i nervi”

 

Keith Richards ha sempre detto quello che pensa senza nascondersi. E forse può essere considerato un pregio. Negli anni il chitarrista dei Rolling Stones ha dato giudizi e pareri molto spesso taglienti su gruppi e artisti, a cominciare dallo stesso compagno di band Mick Jagger. Tra le voci che Richards non sopporta però figura anche Robert Plant, il celebre frontman dei Led Zeppelin.

Le parole di Keith Richards

Sui Led Zeppelin Keith Richards ha le idee chiare: la band deve tutto alla grandezza e al talento del suo chitarrista e fondatore Jimmy Page. Il musicista non sopporta nemmeno il nome, che secondo la leggenda viene da una battuta di Keith Moon: “Se facessimo una band insieme andrebbe a fondo come un dirigibile di piombo” (“Go down like a lead zeppelin” in inglese). Per prendere in giro la band, a proposito delle origini del nome, Richards disse: “Credo che il nome della band sia perfetto. Per me non hanno mai decollato musicalmente.

Non sono mancate nemmeno critiche al batterista John Bonham, annoverato tra i migliori al mondo (se non il migliore). “Bonham è una macchina.. ma non si può viaggiare a tutta velocità in autostrada senza nessun controllo come fa lui.”

Il giudizio su Robert Plant

Ma il problema, secondo il ragionamento di Keith Richards, è il cantante Robert Plant. Il frontman, che con Jimmy Page ha contribuito (senza nulla togliere a John Paul Jones e Bonham) alla grandezza dei Led Zeppelin negli anni Settanta, viene criticato non poco dal musicista dei Rolling Stones: “La voce di quel tipo mi fa venire i nervi”. Per Richards Plant sarebbe “troppo esuberante”. Le parole, riportate nell’intervista al musicista pubblicata su Rolling Stone nel novembre del 1969, sono piuttosto chiare.

E poi nel corso di altre interviste avrebbe detto la sua sempre sul cantante degli Zeppelin: “Ha quel modo di stare sul palco tipico degli inglesi, come Roger Daltrey, Rod Stewart o persino Mick Jagger…Alla fine tutti si copiano l’un l’altro..”. Del resto per lui il giudizio sulla band britannica simbolo dell’hard rock è chiaro: “Per me i Led Zeppelin sono Jimmy Page, fine della storia”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Alessio Bardelli